Home / Allerta / Salmonella in mitili vivi ed Escherichia coli in formaggio camembert… Ritirati dal mercato europeo 80 prodotti

Salmonella in mitili vivi ed Escherichia coli in formaggio camembert… Ritirati dal mercato europeo 80 prodotti

SalmonellaNella settimana n°41 del 2018 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 80 (8 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende quattro casi: Salmonella in mitili vivi (Mytilus galloprovincialis) dalla Grecia; etichettatura insufficiente (indicazione mancante “fabbricato in una struttura che elabora anche noci” in italiano) di latte di cocco dalla Spagna; intossicazione alimentare probabilmente causata da Salmonella in marlin affumicato dall’Italia con materie prime provenienti dalla Spagna; colorante (rodamina B) non autorizzato in rape sottaceto dalla Siria.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: assenza di marchi sanitari su surimi refrigerati dalla Danimarca; importazione illegale di brodo al sapore di pollo (presenza di pollame e DNA suino), proveniente dalla Cina; Conteggio troppo alto di Escherichia coli in formaggio camembert dall’Austria; infestazione da parassiti (Anisakis) in alici refrigerate con materie prime provenienti dalla Francia, via la Spagna.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: aflatossine (B1) in arachidi sgusciate dal Brasile; presenza di tossina di Shiga, prodotta dal gruppo Escherichia coli, in manzo refrigerato sottovuoto, proveniente dall’Argentina;

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, l’Austria segnala presenza di Salmonella enterica (ser. Mbandaka) in estratto di farina di soia, destinata a mangime.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Curcuma: allerta per gli integratori. 16 prodotti segnalati e 16 i casi di epatite. L’elenco completo

Aggiornamento del 30 maggio 2019: l’Istituto superiore di sanità ha identificato un nuovo caso di …