Home / Allerta / Salmonella in fegatini di pollo dalla Romania e aflatossine in arachidi dall’Argentina… Ritirati dal mercato europeo 42 prodotti

Salmonella in fegatini di pollo dalla Romania e aflatossine in arachidi dall’Argentina… Ritirati dal mercato europeo 42 prodotti

salmonellaNella settimana n°3 del 2020 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 42 (4 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

Questa settimana nell’elenco dei prodotti distribuiti in Italia non compaiono casi di allerta seria.

Aflatossine
Aflatossine (B1) in arachidi tostate dall’Italia, con materie prime dalla Cina, marca: Delhaize

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: Salmonella enterica (ser. Infantis) in fegatini di pollo dalla Romania; focolaio di origine alimentare sospettato di essere causato da ostriche vive dalla Francia; focolaio di origine alimentare causato da norovirus GI e GII in ostriche vive dall’Irlanda, purificate in Francia; ritiro di molluschi bivalvi vivi, raccolti in Francia, a causa della possibile contaminazione da norovirus; Salmonella enterica (ser. Agona) in soia tostata destinata a mangime, dal Belgio.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: aflatossine in arachidi provenienti dall’Argentina; alimento non autorizzato al commercio (novel food) “Momordica grosvenori” dalla Cina, via Hong Kong.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato il Belgio segnala un’allerta per la presenza di aflatossine (B1) in arachidi tostate dall’Italia, con materie prime dalla Cina (marca: Delhaize; Confezione da 500 g; TMC 13/03/2020; numero di lotto: L9016013).

© Riproduzione riservata

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Allerta birra all’antigelo in Brasile: 22 casi di sospetto avvelenamento da glicole dietilenico

È allerta birra all’antigelo in Brasile, dove sono stati registrati 22 casi di sospetto avvelenamento, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *