;
Home / Nutrizione / Troppo sale negli snack “salutari” con legumi e mais. Aumenta il consumo di questi alimenti

Troppo sale negli snack “salutari” con legumi e mais. Aumenta il consumo di questi alimenti

Action on Salt, l’agenzia britannica che promuove la diminuzione del consumo di sale, ha colpito ancora: nell’ultimo rapporto ha analizzato 119 tipi di snack venduti come “salutari” da 39 aziende, soprattutto contenenti legumi secchi, e ha scoperto che più della metà “salutare” non lo è, perché contiene valori alti (a volte estremamente alti) di sale, oppure di zucchero o di grassi saturi. I valori riscontrati sono chiari: il 43% degli snack ha un contenuto di sale che eccede i limiti consigliati (più di 1,5 grammi ogni 100 di prodotto) e nessuno può essere considerato “a basso tenore di sale”, perché nessuno ne contiene una quantità inferiore a  0,3 grammi su 100.

Nei test, gli snack sono stati suddivisi in due categorie: quelli a base di legumi essiccati o arrostiti (come i ceci o il mais o la soia edamame essiccati), che rappresentano la maggioranza (62 su 119) e quelli a base di legumi trattati (come le chips, i bastoncini e simili a base di piselli o ceci). I primi avevano un contenuto medio di sale pari a 1,28 g/100 g e, all’interno della categoria, quelli con mais erano i più salati, con 1,85 g/100. Per quanto riguarda il secondo gruppo (56 prodotti), il quantitativo medio di sale era ancora più alto: 2 grammi ogni 100, con un massimo di 3,6 g su 100 per uno degli snack.

Healthy colorful vegetable chips
La concentrazione di sale variava di otto volte, passando, a seconda del prodotto, da 0,46 a 3,6 g/100 g

Le medie nascondono comunque una realtà che è molto eterogenea: la concentrazione di sale variava di otto volte, passando, a seconda del prodotto, da 0,46 a 3,6 g/100 g. Analogamente, sembra evidente che i peggiori siano quelli a base di lenticchie, con un’oscillazione che va da 1,3 a 3,6 g/100. La concentrazione di sale, di per sé, potrebbe essere un parametro opinabile: dipende da quanto prodotto si mangia in un giorno (considerando che la quantità massima di sale, secondo le linee guida inglese, è 6 grammi al giorno per una persona di corporatura media). Per questo i ricercatori sono andati a verificare le porzioni suggerite: l’82% degli snack consiglia una porzione, il cui peso, di solito, è 25-30 grammi per quelli essiccati o arrostiti e 20 per quelli lavorati. Tuttavia il sale, in ciascuna di queste, è alto, in media 0,45-0,48 g/100, molto superiore: a quelli di un’analoga porzione di patatine fritte (che ne contiene 0,35) o di noccioline (0,39 g/100).

Secondo gli obbiettivi indicati dal Governo, le aziende hanno tempo fino al 2024 per ridurre il contenuto entro limiti accettabili. Action on Salt scrive che il 56% delle aziende lo ha già fatto, così come il 74% delle grandi catene che vendono prodotti a marchio. Ma, guarda caso, i due tipi di prodotti più indietro sono quelli con mais essiccato, solo il 25% dei quali è adeguato, e quelli con fagioli essiccati (solo il 33% è già in linea con gli obbiettivi).

Oltre al sale, poi, ci sono gli altri ingredienti. Se si indicasse il loro valore con un colore, il 60% meriterebbe un bel rosso fuoco, visto che sfora per gli zuccheri o per i grassi . Solo uno snack su tre, tuttavia, riporta sulla confezione l’etichetta a semaforo o a colori. Se non cambieranno ricetta, entro il 2022 saranno considerati non adatti ai bambini, e le loro pubblicità rientreranno nella fascia oraria serale, dopo le 21.

Nachos chips. Delicious salty tortilla snack.
Con il lockdown la percentuale di chi mangia snack poco sani ogni giorno, è passata dal 9 al 35%

Infine, il dato più sorprendente: nonostante questa composizione tutt’altro che salutare, ben l’81% degli snack reca sulla confezione una qualche dicitura che gioca sull’effetto “halo”, cioè mira ad attribuire al prodotto proprietà benefiche. Per esempio, quella con più sale (i 3,6 g/100), scrive: “40% in meno di grassi, vegana e senza glutine”. Altre diciture comuni sono: senza zuccheri aggiunti, tutto naturale, senza additivi artificiali e in generale il 97% delle confezioni richiama qualche proprietà, o qualche assenza.

C’è insomma ancora molto da fare. Per questo Action on Salt invita ancora una volta il Governo e i produttori a fare di più, e meglio, anche tenendo conto che, a causa del lockdown, gli inglesi si sono abituati a mangiare più snack. In futuro i consumatori dovranno cambiare abitudini per non avere conseguenze sulla salute: la percentuale di chi mangia snack poco sani ogni giorno, secondo Public Health England, sarebbe passata dal 9 al 35%, come conferma indirettamente l’aumento di vendite del 2020, del 18,8%. I chili acquisiti in questo anno da parte di chi mangia snack regolarmente sarebbero stati, in media, tre.

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Elementary Pupils Enjoying Healthy Lunch In Cafeteria mensa scolastica scuola bambino

Allergie e neofobie: aumentano nelle mense i bambini affetti da problemi alimentari che richiedono diete particolari

Secondo i dati Istat del 2019  il 10,7% degli italiani sono affetti da allergie alimentari …