Home / Allerta / Salame con tossina di Shiga e Salmonella in vongole vive dalla Francia… Ritirati dal mercato europeo 81 prodotti

Salame con tossina di Shiga e Salmonella in vongole vive dalla Francia… Ritirati dal mercato europeo 81 prodotti

Nella settimana n°8 del 2018 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 81 (11 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende otto casi: presenza di tossina di Shiga, prodotta dal gruppo Escherichia coli, in “Salame di montagna della Carinzia” dall’Austria a marca Friess (lotto L39543, in confezione da 500 grammi o 1 chilo); Salmonella in vongole vive (Venus verrucosa) dalla Francia; mercurio in squalo mako (Isurus oxyrinchus) congelato, dalla Spagna; focolaio di origine alimentare causato da norovirus (GI; GII) in ostriche refrigerate dalla Francia; cadmio e mercurio in pesce spada congelato (Xiphias gladius) dall’Indonesia; epidemia di origine alimentare (sindrome sgombroide) causata da istamina in filetti di marlin (Makaira indica) scongelati dalla Spagna; contenuto troppo elevato di cianuro in noccioli amari di albicocca biologici dal Pakistan; mercurio in tranci di pesce spada (Xiphias gladius) congelato, dal Portogallo.

salame affettati insaccati
Tossina di Shiga in “Salame di montagna della Carinzia” dall’Austria a marca Friess

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: topo morto in marshmallow (caramelle) di Pasqua, Godis Påskkyckling, vendute da Ikea dalla Svezia (vedi dettagli); nocciole, arachidi e anacardi non dichiarati in etichetta div pasta di sesamo con cacao halva a marchio Baskaya, proveniente dalla Turchia (vedi dettagli).

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: aflatossine (B1) in nocciole sgusciate dall’Azerbaijan; corpo estraneo (corde di fibra, fino a 10-12 cm) in due lotti di yogurt Kyr della Parmalat, dalla Francia (vedi dettagli); superamento della data di scadenza per uova di ricci di mare congelate (Evechinus chloroticus) dalla Nuova Zelanda; aflatossine (B1) in arachidi in guscio dall’Egitto; presenza di DNA di ruminanti nella carne di cavallo e farina di ossa destinati a mangime, provenienti dall’Argentina.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, la Germania segnala Salmonella enterica (ser. Senftenberg) in farina di soia destinata a mangime; l’Austria segnala Salmonella enterica (ser. Agona e ser. Senftenberg) in farina di soia destinata a mangime; la Svezia segnala Salmonella in preparato a base di girasole biologico destinato a mangime, via Danimarca.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

alghe iodio mare

Iodio in alghe cinesi e piombo in carne di cervo dalla Spagna… Ritirati dal mercato europeo 54 prodotti

Nella settimana n°34 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …