Home / Controlli e Frodi / Sacchetti biodegradabili: oltre l’80% contiene ancora polietilene. La denuncia di Legambiente che chiama i cittadini all’azione

Sacchetti biodegradabili: oltre l’80% contiene ancora polietilene. La denuncia di Legambiente che chiama i cittadini all’azione

un sacco giusto legambiente coopventuno
La campagna per i sacchetti biodegradabili

Nell’ambito della campagna #unsaccogiusto ideata da Legambiente e dalla rivista La Nuova Ecologia per contrastare la diffusione di bioshopper non conformi alla legge, sono stati prelevati e sottoposti ad analisi presso il CNR di Catania 26 campioni di sacchetti etichettati come biodegradabili e compostabili, provenienti da tutta Italia.

In 22 campioni è stato trovato polietilene, la cui presenza è consentita dalla norma EN 13432 fino a una quantità pari all’1% del peso. Il problema riguarda soprattutto 6 sacchetti che hanno mostrato una presenza di polietilene oltre i limiti di legge (per due delle quali si è superato il valore del 7%). Solo 4 bio-shopper sono risultate completamente privi di polietilene.

È vero che tracce di polietilene possono imputarsi alla contaminazione delle linee, utilizzate anche per altre produzioni, ma non tutti i valori riscontrati sono giustificabili. I risultati non fanno altro che rafforzare una tesi avanzata da Assobioplastiche, già trattata da Il Fatto Alimentare, secondo cui oltre la metà delle buste biodegradabili in circolazione sarebbe illegale.

La campagna promossa dall’associazione ambientalista ha anche lo scopo di denunciare il racket dei finti sacchetti biodegradabili: si stima di un volume pari a circa 40 mila tonnellate di plastica che costa alla filiera una perdita di 160 milioni di euro, 30 solo per evasione fiscale e un aggravio dei costi di smaltimento dei rifiuti quantificato in 50 milioni di euro (vedi tabella sotto). Testimonial d’eccezione, Fortunato Cerlino, alias Pietro Savastano, l’attore che interpreta il superboss della serie Tv Gomorra, che ha prestato la sua immagine per un corto di denuncia.

legambiente sacchetto_legale sacchetti biodegradabili
Come riconoscere i veri sacchetti biodegradabili

L’intento della campagna è anche quello di coinvolgere i singoli cittadini che sul sito trovano le indicazioni per riconoscere i sacchetti a norma e possono segnalare le illegalità e gli esercizi dove vengono usate shopper “taroccate”. Il breve filmato è anche dedicato alla storia della CoopVentuno, una piccola start-up di prodotti compostabili situata a Castel Volturno che promuove la legalità in questo settore (i fondatori sono Massimo Noviello e Gennaro del Prete figli di due protagonisti della battaglia contro le cosche).

Federico Del Prete era un sindacalista dei venditori ambulanti ucciso perché aveva denunciato il racket delle shopper illegali, Domenico Noviello era un imprenditore assassinato per aver fatto condannare alcuni emissari del clan dei Casalesi.

legambiente sacchetto_illegale
Un sacchetto “illegale”

Il presidente di Legambiente Rossella Muroni ha detto che: “La legge italiana sulle buste di plastiche è innovativa e straordinaria, tanto da essere diventata esempio in Europa, ma purtroppo il settore è terreno d’azione delle ecomafie che inquinano il mercato legale e impongono i loro prodotti soprattutto negli esercizi commerciali al dettaglio o nei mercati rionali. Produrre fuori legge costa la metà: un chilo di bioplastica costa circa 4 euro, mentre un chilo di materiale in polietilene costa la metà. Sul mercato però vengono venduti allo stesso prezzo, rendendo alla filiera illegale grandi guadagni. Proprio ieri il ministro Galletti insieme alla Guardia di Finanza ha denunciato alcuni sequestri nel sud d’Italia, dimostrando che l’azione di contrasto delle Forze dell’Ordine è la strada maestra per fermare questi odiosi crimini che bloccano il futuro del nostro paese”.

Sulla base dei risultati ottenuti dal CNR, Legambiente ha deciso di segnalare l’episodio all’Antitrust, autorità garante della tutela del mercato e della concorrenza.unsaccogiusto sacchetti legambiente

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Luca Foltran

Luca Foltran
esperto sicurezza dei materiali

Guarda qui

Fraud Alert Caution Defend Guard Notify Protect Concept

Truffe online a danno di Conad, Esselunga e Unieuro, è successo anche a noi: i falsi messaggi che promettono premi e rubano dati

Le truffe virtuali sfruttano anche i marchi dei supermercati: pochi giorni fa, una nostra collaboratrice …

6 Commenti

  1. Avatar

    un modo affidabile di combattere questo tipo di commercio illegale, è certamente l’uso di sacchi per la spesa riciclabili e, possibilmente, in plastica riciclata o, meglio, fibre naturali.

  2. Avatar

    Non mii è chiaro quali sono i sacchetti “buoini e quelli no, io ad esempio ho trovato in casa due sacchetti dove sta scritto”biodegradabile e compostabile conforme alla norma UNI EN 13432-2002, l’altro,compostabile e biodegradabile UNI EN 1343-2002 c’e un 2 in meno o in più, ma qual”è L’ esatta scritta che deve avere un sacchetto in regola?poi in qualche suipermercato continuano ad esserci piccoli saccjetti di plastica, possono averli?
    Grazie per il chiarimento

    • Avatar

      Il riferimento corretto è alla norma UNI EN 13432, per quanto riguarda la commercializzazione di sacchetti da asporto non rispondenti a questa norma confermo che è illegale.

  3. Avatar

    Anche io mi accodo alla richiesta della Sig.ra Luciana. Io ho un sacchetto dove è riportato il logo “bioshopper” EN: 13432:2000-12 e un altro logo “CSI” con il riferimento alla normativa UNI: 11415:2011
    Che significa?
    Grazie

  4. Avatar

    Secondo me per risolvere il problema basterebbe eliminarle e fare in modo che ognuno si porti la borsa di stoffa o quella di plastica rigida che si acquista al supermercato o di carta, ed i supermercati ed i negozi tengano solo più in vendita per gli acquisti sacchetti di carta o le suddette borse riutilizzabili moltissime volte. Naturalmente non possono essere regalate dato il costo elevato in confronto ad una busta di plastica e credo che dopo averne acquistate due o tre la prossima volta ci si ricorderà di portarsela dietro!

    • Avatar

      Condivido quanto detto da Sara, e ai supermercati in dotazione solo sacchetti di carta, non saranno tanto comodi ma ci facciamo solo del bene, come ci stiamo abituando a portarci le borse per la spesa,
      sarà anche per i sacchetti di carta, sta a noi decidere.