Home / Pianeta / Dal 2 agosto consumiamo risorse che il pianeta non può rigenerare quest’anno. L’Overshoot day è stato calcolato utilizzando il Food Sustainability Index

Dal 2 agosto consumiamo risorse che il pianeta non può rigenerare quest’anno. L’Overshoot day è stato calcolato utilizzando il Food Sustainability Index

overshoot day

Il 2 agosto è stato l’Overshoot day, cioè il giorno in cui la quantità richiesta di risorse naturali dell’umanità ha superato quelle che la Terra è in grado di generare nello stesso anno. Ogni anno, questa data cade sempre prima nel calendario: nel 1997 cadeva alla fine di settembre, nel 2016 era stata l’8 agosto. Questo significa che le risorse si esauriscono a ritmi sempre più elevati, le attività di pesca e raccolta vengono praticate in modo eccessivo, consumando sempre più risorse ecologiche di quelle che la natura è in grado di rigenerare, ed emettiamo nell’atmosfera più anidride carbonica di quanto le foreste possano assorbire.

L’Overshoot day è una campagna internazionale ideata dal think tank britannico New Economics Foundation per marcare chiaramente il passaggio annuale tra consumo sostenibile e consumo a spese del pianeta. Oggi, questa iniziativa è portata avanti dal Global Footprint Network, una rete di esperti che ha elaborato un indice unico e facilmente comprensibile per il calcolo dell’impronta ecologica. Infatti, la data dell’Overshoot day viene calcolata in base a un apposito indice, il Food Sustainability Index, prodotto dal Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN), in collaborazione con l’Intelligence Unit dell’Economist.

Con la riduzione del 50% degli sprechi alimentari, l’impronta ambientale umana cala del 16%

Come illustra un’infografica del BCFN, il cibo influisce sull’impronta ecologica umana per il 26%. L’indice di sostenibilità alimentare comprende 58 indicatori riferiti a tre aspetti chiave: agricoltura sostenibile, sfide nutrizionali, perdita e spreco di cibo. Applicando l’indice a 25 paesi, nel 2016 la Francia è risultata la più virtuosa, seguita da Giappone e Canada, con l’Italia in sesta posizione.

BCNF calcola che se in tutto il mondo si prediligesse il consumo di cibi a basso impatto ambientale, si seguissero diete caloriche equilibrate e si riducessero del 50% gli sprechi alimentari, l’impronta ecologica umana diminuirebbe del 16%, ritardando l’Overshoot day di 42 giorni.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

meloni frutta giappone coltivare serra

Un’anguria da 5.000 euro! Ecco i tre frutti più cari al mondo venduti in Giappone raccontati in un articolo di Italia Fruit News

La rivista online Italia Fruit News ha pubblicato un interessante articolo su alcuni costosissimi frutti …