Home / Etichette & Prodotti / La ricotta è davvero magra? Dipende dal latte e dal produttore. Meglio leggere l’etichetta

La ricotta è davvero magra? Dipende dal latte e dal produttore. Meglio leggere l’etichetta

Un lettore ci scrive:

Mi risulta che la ricotta dovrebbe contenere pochi grassi essendo prodotta dopo gli altri formaggi. Per questa sua proprietà è consigliata a chi deve seguire una dieta povera di sostanze grasse di origine animale. Ho notato però che quella confezionata ha un contenuto di lipidi molto alto rispetto a quanto ci si potrebbe aspettare, forse perché spesso viene aggiunto siero di latte, panna o latte intero. Quella venduta in vaschette o al banco invece non porta indicazioni sul valore nutrizionale. Sergio

La ricotta non è un formaggio ma un latticino perché si produce facendo cuocere il siero di latte rimasto dopo la coagulazione della caseina durante la produzione del formaggio. Il fatto di essere un latticino ottenuto dallo “scarto” della lavorazione ha sempre caratterizzato la ricotta come un alimento povero con poche calorie, ideale per i regimi dietetici ipo-calorici o a basso contenuto di colesterolo.

In questi ultimi anni qualcosa è cambiato. Sul mercato si trovano tre tipi di ricotta: oltre a quella ottenuta con latte di mucca, ci sono prodotti ricavati da latte di pecora e di bufala. Secondo le tabelle stilate dall’Inran nel 2000, quella vaccina ha una percentuale media di grassi del 10,9 per un totale di 146 kcal per cento grammi. Quella di pecora ha più grassi (11,5%) e un totale di 157 kcal anche se la banca dati dell’Istituto europeo di oncologia indica 270 kcal. La ricotta di bufala arriva al 17,3% per un totale di 212 kcal.

A parte quelle ottenute da latte di bufala su cui tutti sono d’accordo, per la ricotta di pecora i valori variano molto.

Se la ricotta di vacca si può considerare un prodotto light rispetto alla mozzarella vaccina (157 kcal contro 253 per 100g), non così è per la ricotta di bufala ce ha un contenuto di calorie simile alla mozzarella di bufala (270 kcal contro 288). Su quella di pecora è opportuno controllare l’etichetta perchè le differenze sono notevoli. Gran parte delle ricotte in vendita nei supermercati è ottenuta dal siero di latte arricchito con latte intero (5-25%) e/o con panna (indicata in etichetta come “crema di latte”).

Questa integrazione ha un duplice scopo: ottenere un prodotto più vellutato e saporito molto gradito ai consumatori, e incrementare il valore nutrizionale della ricotta aumentando così il valore calorico. Si tratta di un’operazione abitualmente seguita anche nella preparazione delle ricotte artigianali e in quelle Dop.

«L’aggiunta di latte o panna al siero», spiega Fausto Marri di Assolatte, «è una pratica comune soprattutto quando il siero utilizzato proviene dalla lavorazione di alcuni formaggi per cui risulta contenere poco grasso». Questo vuol dire che le ricotte ottenute aggiungendo latte e panna non necessariamente risultano più ricche di calorie rispetto a quelle prodotte solo con il siero». Nelle tabelle seguenti, abbiamo riportato la lista degli ingredienti, la percentuale di grassi e il valore calorico di alcune ricotte vaccine vendute nei supermercati. La presenza di latte e panna è una costante di quasi tutte le confezioni incluse quelle light, tranne nel caso di Galbani.

Un’ultima considerazione, infine, importante per chi è intollerante al lattosio. Spiega Fausto Marri: «A differenza di quanto accade a un vero formaggio, la ricotta ha una percentuale di lattosio del 3,5 circa e l’aggiunta di latte e panna aumenta leggermente tale percentuale: ciò significa che resta un prodotto sconsigliato a chi è intollerante».

Marchio Ingredienti Calorie per 100 g % grasso Produttore
Pettinicchio siero di latte vaccino pastorizzato, crema di latte pastorizzata, sale, correttore di acidità: acido lattico 151 12 Granarolo
Vallelata siero di latte vaccino, sale. Correttore di acidità: acido citrico, acido lattico 165 13 Galbani
Santa Lucia siero di latte vaccino. Correttore di acidità: acido citrico, acido lattico 146 11 Galbani
Santa Lucia light siero di latte vaccino, sale, correttore di acidità: acido lattico 115 6 Galbani
Osella siero di latte, latte, crema di latte, sale, correttore di acidità (acido citrico) 145 11 Fattorie Osella
LatBri siero di latte vaccino pastorizzato, crema di latte, sale; correttore di acidità: acido citrico 134 10 Latticini Italia
Light LatBri siero di latte vaccino pastorizzato, crema di latte, sale, correttore di acidità: acido citrico 98 6 Latticini Italia
Esselunga siero di latte, crema di latte, sale, correttore di acidità: acido citrico 154 12 /
Biraghi siero di latte vaccino pastorizzato, crema di latte, sale; correttore di acidità: acido citrico 169 13,7 Biraghi

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Anissia Becerra

Anissia Becerra

Guarda qui

È guerra alle Fake Meat. Ma vietare la parola “carne” sulle etichette delle alternative vegetali e coltivate aiuterà i consumatori?

I produttori di carne americani, dopo quelli francesi, dichiarano una guerra semantica alla finta carne …