Home / Pianeta / Quest’anno i regali si fanno online. La ricerca di Klarna su Help Consumatori

Quest’anno i regali si fanno online. La ricerca di Klarna su Help Consumatori

Lo shopping natalizio cambia. Nell’anno della pandemia i regali continuano a comparire sotto l’albero, ma seguono percorsi diversi. Molti consumatori li compreranno online, per la prima volta. Il budget di spesa per tanti è ridotto, sia per le ristrettezze economiche sia perché gli spostamenti sono limitati, quindi sarà difficile o impossibile scambiare doni con tutto il parentado e l’intera cerchia di amici. Lo shopping natalizio quindi continua ma in modo un po’ diverso.

L’agenzia Help Consumatori, basandosi sui dati di Klarna (fintech di servizi di pagamento e di acquisto), riferisce di un’indagine fatta a novembre su un campione di oltre mille persone adulte. Secondo lo studio, lo shopping natalizio di quest’anno concentra diversi acquisti online. Il 58% degli intervistati comprerà i regali attraverso l’e-commerce, in via prevalente o esclusiva. I cambiamenti nelle abitudini di consumo, assunti per forza, scelta o necessità e legati alla pandemia, coinvolgeranno anche i regali. Anche per rispettare il distanziamento, diversi consumatori si stanno orientando allo shopping natalizio online.

Il 5% degli italiani rinuncerà allo shopping natalizio e alla corsa ai regali

“A fare da protagonista, quest’anno più che mai, sarà l’e-commerce: la maggioranza del campione, infatti, prevede di acquistare principalmente (44%) o esclusivamente (14%) online” dice Klarna nella sua indagine. Si tratta di scelte differenti rispetto al passato, che stanno conquistando il quotidiano di molte famiglie: quasi il 40% degli italiani, infatti, quest’anno incrementerà lo shopping natalizio effettuato online, seguito da un 16% che acquisterà su piattaforme digitali per la prima volta. Il 12% degli italiani comprerà in un punto vendita. Solo il 6% dichiara di escludere del tutto lo shopping natalizio online.

C’è un 5% di italiani che rinuncerà allo shopping natalizio e alla corsa ai regali. Con punte più alte in alcune regioni: il 24% in Veneto, il 17% in Lombardia (dove molti sceglieranno però di comprare in negozio), il 12% in Emilia Romagna. Il 53% degli intervistati dice che ridurrà la spesa, sia per le difficoltà economiche causate dalla pandemia (53,5%), sia per l’impossibilità di scambiare i doni con amici e parenti (31%). A fare più regali saranno gli over 75 anni e i giovani sotto i 25 che tenderanno in maggioranza a mantenere lo stesso budget dello scorso anno o a spendere di più. Meno soldi per i regali, dunque. Il 52% destinerà allo shopping natalizio fra 100 e 300 euro, mentre il 18% contrarrà il budget fra 50 e 100 euro.

La maggioranza del campione prevede di acquistare principalmente (44%) o esclusivamente (14%) online

I regali sotto l’albero – prosegue Help Consumatori  seguiranno invece la tradizione per quanto riguarda cosa regalare. “Tra i prodotti acquistati rigorosamente online, abbigliamento e calzature la fanno da padroni: a sceglierli come regalo di Natale, quasi la metà degli italiani (49%), tra questi poco più del 50% sono donne – dice l’indagine – Seguono i prodotti tecnologici, quelli di bellezza e di intrattenimento (tra cui libri, musica e film), scelti rispettivamente dal 45%, 37% e 35% degli intervistati. Tra gli evergreen, i giocattoli (32%), dono privilegiato dei nonni over 75enni (64%)”. Ci saranno ancora gioielli e accessori, elettrodomestici, articoli per la casa, per la salute e la cura della persona.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Piccante e raffinato: le tendenze della gastronomia 2021 secondo Pinterest

Pinterest ci promette un anno all’insegna della raffinatezza e della novità, in cucina e non …