Home / Pianeta / Rapina delle terre: l`accordo Fao sulla sovranità alimentare dice basta. Ora tocca agli Stati membri fare la loro parte

Rapina delle terre: l`accordo Fao sulla sovranità alimentare dice basta. Ora tocca agli Stati membri fare la loro parte

Dopo tre anni di intensi negoziati, il Committee on World Food Security [1] della FAO ha finalmente raggiunto un accordo sulle Linee Guida per la gestione dei terreni, delle risorse idriche e delle foreste. Un importante passo avanti per la lotta alla rapina delle terre e l’affermazione del diritto alla sovranità alimentare.

Negli ultimi anni, diversi leader dei movimenti sociali per la tutela dei diritti delle comunità locali sulle terre sono stati vittime di omicidi e persecuzioni. Come, in America Latina, Jerónimo R. Tugri e Mauricio Méndez (Panama), Bernardo Méndez Vásquez (Messico), Christian Ferreyra (Argentina) e molti contadini uccisi in conflitti nella regione di Bajo Aguan (Honduras). Herman Kumara, rappresentante del World Forum of Fisher Peoples, minacciato di morte è stato invece costretto a lasciare il suo Paese, lo Sri Lanka.

Le trattative sono state difficili poiché i rappresentanti di parecchi governi hanno a lungo insistito nell’affermare che i grandi investimenti agricoli sono in ogni caso essenziali allo sviluppo. Al punto da trascurare, come i fatti dimostrano, le gravi e diffuse violazioni dei diritti umani legate a deportazioni e privazioni delle terre. La pur rilevante tutela della biodiversità, al confronto, sembra poca cosa.

 

Il 9 marzo, al quindicesimo round di negoziati, i membri del Cfs hanno finalmente raggiunto un accordo su The Voluntary Guidelines on the Tenure of Land Fisheries and Forest [2].  Un passaggio cruciale, che dovrà venire seguito dalla formale adozione del testo, nei prossimi mesi, e soprattutto dalla sua ratifica da parte dei 191 Stati membri della FAO.

I diritti affermati nelle Linee guida attengono alla disponibilità delle terre, a prescindere dal possesso di titoli formali, [3] in capo a chi le ha da sempre abitate e utilizzate. Il riconoscimento dei diritti sulle “terre ancestrali”. Il diritto a preservare i mezzi di sussistenza, strettamente legati alle risorse naturali del suolo e dell’acqua. I diritti umani in generale, troppe volte trascurati all’insegna del profitto straniero e comunque altrui, condiviso semmai solo in parte con politici e funzionari corrotti.

I doveri che ne conseguono, per gli Stati che aderiranno alle Linee guida, comportano la ricognizione dei diritti in essere, la loro registrazione e la tutela – anche in sede giudiziaria – contro ogni tentativo di accaparramento al di fuori di ragionevoli accordi con i rispettivi titolari. Trasparenza, governance, rispetto. Con attenzione prioritaria al valore dell’agricoltura locale com presidio essenziale a salvaguardia delle popolazioni e della loro sussistenza.

 

Nella più ampia prospettiva di sconfiggere o quantomeno mitigare la tragedia della fame nel mondo. Attualmente un miliardo di esseri umani ha problemi di accesso al cibo, problemi che si traducono in fame e malnutrizione cronica. 1,4 miliardi di persone vivono con meno di 1,25 dollaro al giorno, 2 miliardi con meno di 2 dollari.

Le responsabilità, secondo quanto stabilito nelle Linee guida, vanno estese anche agli operatori economici che realizzano investimenti fondiari, i quali – si ribadisce – non possono esimersi dal considerare l’impatto delle loro attività sui diritti umani inviolabili delle popolazioni interessate.

 

È un primo risultato apprezzabile, dovuto soprattutto all’impegno delle dei 45 rappresentanti delle 20 organizzazioni della società civile (La Via Campesina in testa) che hanno iniziato e condotto per anni questa battaglia [4]. La fase critica è ora quella dell’adesione degli Stati a tali principi e del loro effettivo rispetto, da sottoporre a continuo monitoraggio. Un ruolo fondamentale sarà quello dell’Unione Europea, che dovrà imporre l’applicazione delle Linee guida quale condizione imprescindibile per la stipula e il rinnovo di ogni accordo di libero scambio coi Paesi terzi.

 

Dario Dongo

foto: Photos.com

[1] In questi giorni è stata pubblicata una guida al Committee on World Food Security su http://foodgovernance.files.wordpress.com/2012/03/ifsn_csm_cfsguide.pdf

[2] Il testo delle Linee guida è disponibile su http://www.fao.org/fileadmin/user_upload/nr/land_tenure/pdf/VG_en_Final_March_2012.pdf

[3] Per un’idea dei problemi legati all’assenza di titoli sulle terre, si veda il sito www.landesa.org <http://www.landesa.org>
[4] Si veda http://www.ilfattoalimentare.it/g

20-agricoltura-500-organizzazioni-stop-rapina-delle-terre.html

 

Guarda qui

meloni frutta giappone coltivare serra

Un’anguria da 5.000 euro! Ecco i tre frutti più cari al mondo venduti in Giappone raccontati in un articolo di Italia Fruit News

La rivista online Italia Fruit News ha pubblicato un interessante articolo su alcuni costosissimi frutti …

Un commento

  1. Il ‘Financial Times’ è a sua volta intervenuto sull’argomento, il 25 marzo, con l’articolo ‘UN moves to curb farmland grabs’ a firma del super-esperto di ‘commodities’ Javier Blas, su
    http://www.ft.com/cms/s/0/083aab3a-7697-11e1-8e1b-00144feab49a.html#ixzz1qPdgbW54