Home / Richiami e ritiri / Bottiglie di Prosecco italiano esplodono sugli scaffali dei supermercati inglesi: ritirati 5 lotti. La partita non è stata distribuita in Italia

Bottiglie di Prosecco italiano esplodono sugli scaffali dei supermercati inglesi: ritirati 5 lotti. La partita non è stata distribuita in Italia

prosecco
Ritirate in Inghilterra 5 lotti di Prosecco italiano perchè le bottiglie esplodono

In Inghilterra la catena di supermercati Asda (una delle più diffuse nel paese) ha ritirato dagli scaffali 5 lotti di Prosecco italiano dopo avere ricevuto diverse segnalazioni di esplosioni avvenute sia nelle case degli acquirenti sia nei  punti vendita. Asda ha subito avviato una campagna di ritiro e di richiamo oltre ad avere esposto un cartello nei punti vendita e avere diffuso un comunicato stampa ( vedi foto sotto).  Nell’avviso però si parla solo di “Prosecco con etichetta gialla”.

Informazioni così generiche  sollevano qualche dubbio sulla vera natura del Prosecco ritirato dal mercato. Osservando bene l’etichetta proposta nella fotografia a lato si nota una frase dove si dice che il vino è “prodotto in Italia”. Se è vero,  trattandosi di un prodotto Dop perchè l’avviso non riporta il nome del produttore?

 

 

prosecco asda
Nell’assortimento di Asda ci sono altre marche di Prosecco e tutte indicano il nome del produttore, perchè quella ritirata è anonima?

Tutto ciò è strano perchè nell’assortimento di Asda ci sono altre marche di Prosecco e tutte indicano il nome del produttore (vedi foto a lato). Abbiamo chiesto delucidazioni ad Asda, ci è stato detto che si tratta di una “private label”,  ovvero  di un prodotto confezionato appositamente per Asda da un produttore italiano. Aspettiamo fiduciosi altre notizie. Vi terremo aggiornati.

I  lotti ritirati sono: L1402606 , L1403271 , L1403503 , L1403655 , L140404.

Asda ha messo a disposizione dei consumatori un numero verde a cui rivolgersi per ulteriori informazioni (08009520101).

Aggiornamento del 24 ottobre. La Gran Bretagna ha segnalato il 23 ottobre  un’allerta al sistema Rasff dal quale emerge che le bottiglie  che espolodono fanno parte di una partita di Prosecco prodotto in  Italia esportato  in Inghilterra ma non distribuito nel nostro paese.

Roberto La Pira

© Riproduzione riservata

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264  indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

formaggio pecorino semistagionato garante richiamo listeria

Richiamato formaggio pecorino semistagionato Garante per presenza di Listeria monocytogenes

Il Ministero della salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di formaggio pecorino a …

2 Commenti

  1. A parte il fatto che l’ esplosione può essere dovuta alla pressione della CO2 che è presente in tutti i vini frizzanti, questo potrebbe anche voler dire che il vetro delle bottiglie non era adeguato al contenuto.
    Quanto all’ assenza del nome del produttore, non la ho mai notata nei punti di vendita italiani.
    Siamo proprio sicuri che quel vino fosse prodotto in Italia, o non è forse un ennesimo esempio di ipocrisia ???

  2. la cosa non è per niente strana, Enoitalia s.p.a che lo imbottiglia (su twitter trovate all’account ASDA la foto della retro con l’imbottigliatore) ha scelto una pessima bottiglia, chiamata Emiliana la cui scheda tecnica prevede un massimo 3.5 atmosfere di pressione, adatta quindi a frizzanti e non a spumanti che cominciano ad essere chiamati tali solo dopo le 3 atmosfere. Un vino spumante o frizzante aumenta di 1 atmosfera ogni 10 centigradi sopra i 20 gradi atmosferici, se la bottiglia rimane al sole o in vicinanza di calore, da una situazione base di 3.5 atm arriva a 4.5 atm velocemente mettendo a dura prova le micro imperfezioni nella parete vetrosa non individuate dal produttore del vetro. Una bottiglia così deve essere maneggiata al fresco e con le cautele della dinamite