;
Home / Prezzi / Promozioni e sconti, chi ne fa di più? Coop, Conad e Carrefour, ma non è detto che siano i più economici

Promozioni e sconti, chi ne fa di più? Coop, Conad e Carrefour, ma non è detto che siano i più economici

A red and yellow promo sign on a supermarket shelf.Coop, Conad e Carrefour sono le catene di supermercati  che fanno il maggior numero di iniziative promozionali e di sconti durante l’anno. La classifica è stata redatta  in occasione della Giornata mondiale del risparmio da Tiendeo.it che ha analizzato i volantini con le offerte che vengono periodicamente stampati  e imbucati nelle caselle delle lettere degli italiani. Nella classifica dopo i primi tre troviamo: Penny Market, Famila e Bennet. Le offerte comprendono tutti i tipi di promozione, come ad esempio sconti diretti, sconti sulla seconda unità, o 3×2.

Per correttezza va detto che in linea di massima le riduzioni di prezzo e le promozioni che dir si voglia, sono concordate con le aziende produttrici al momento della stipula dei contratti di fornitura. Si tratta quindi di sconti che incidono sui “costi” industriali e non su quelli della catena di distribuzione. L’altra cosa da segnalare è che proporre ai clienti un elevato numero di promozioni,  non vuol dire necessariamente che in quella catena i prezzi siano più convenienti rispetto ad altre insegne. Ci sono infatti alcune catene che non fanno promozioni  e in questo modo ottengono dai produttori prezzi  inferiori che permettono di mantenere listìni più bassi tutto l’anno.

supermercati
I supermercati che fanno più offerte sono Coop, Conad e Carrefour

Le offerte e gli sconti sono in genere ben visti dai consumatori, ma il “rischio”  è di farsi catturare e acquistare prodotti superflui o in quantità elevata, trasformando un’effettiva opportunità di sconto in una “occasione” di spreco. Il vero affare consiste nel fare conciliare lo sconto con i prodotti che abitualmente finiscono nel carrello, senza farsi tentare da articoli che di solito non vengono presi in considerazione.

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com, ilfattoalimentare.it

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Wooden table full of fiber-rich wholegrain foods, perfect for a balanced diet Tavolo di legno pieno di cibi integrali ricchi di fibre, perfetti per una dieta bilanciata

Crescono i prezzi delle materie prime alimentari in tutto il mondo. Il panettone sarà più caro

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), i prezzi delle derrate alimentari sono …

5 Commenti

  1. Avatar

    “Si tratta quindi di sconti che incidono sui “costi” industriali e non su quelli della catena di distribuzione”
    Non è vero, il fornitore partecipa con uno sconto X ed il distributore ci aggiunge sempre almeno altrettanto, per attivare una promozione significativa.

  2. Avatar

    Ma che ne sapete ! i contratti valgono per le solite prime 20 aziende , per tutti gli altri vale solo la forza del distributore , punto e basta. Perche’ non spiegate come mail la legge del sottocosto non vale piu per i
    distributori ? una parte dei prodotti vengono venduti sottocosto( non dichiarati) dai distributori che aggiungono sempre e dico sempre sconti a quelli del fornitore . E se non ci sono gli sconti per non far risultare i sottocosti ci sono i contributi in cifra fissa con le voci piu disparate. Neppure le nuove aperture non dovrebbero essere pagate dai fornitori che invece sono costretti a pagare anche in questo caso con le diciture piu disparate.

  3. Avatar

    Faccio una domanda a chi ne sa più di me : gli articoli con sconto a volte anche notevole del 40- 50 % hanno le stesse caratteristiche dei prodotti non scontati che troviamo di solito?
    Buona lettura