Home / Nutrizione / Alimenti anticolesterolo bocciati dall ’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria

Alimenti anticolesterolo bocciati dall ’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria

yogurt
Yogurt e margarine “anticolesterolo” non possono essere un adeguato sistema di prevenzione delle malattie cardiovascolari.

I dati disponibili non permettono di considerare i prodotti anticolesterolo (margarine e yogurt ricchi di fitosteroli e fitostanoli), un mezzo adeguato di prevenzione delle malattie cardiovascolari. Anzi, questi prodotti sono sconsigliabili per le donne incinte o in fase di allattamento, e per i bambini. Se da una parte riducono la quantità di colesterolo, anche se non in modo uguale per  tutte le persone, dall’altra riducono anche la quantità di betacarotene nel sangue, aumentando il rischio malattie coronariche. La riduzione di betacarotene deve essere compensata con un maggior consumo di frutta e verdura. I rischi associati all’assunzione di questi alimenti andrebbero quindi valutati, caso per caso, da un nutrizionista.

 

È quanto afferma l’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria degli alimenti (Anses), che ha pubblicato il suo parere sui rischi e i benefici di questi prodotti, L’ intervento era stato sollecitato nel 2010 dall’associazione di consumatori UFC-Que Choisir, che chiedeva la revisione della decisione con cui l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) aveva autorizzato l’utilizzo di due diciture relative ai prodotti contenenti fitosteroli e i fitostanoli (sostanze  presenti naturalmente nelle piante)  e la capacità di ridurre il colesterolo nel sangue e anche il rischio di malattie coronariche.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Woman with pills and healthy food

Diete: 5 motivi per evitare gli integratori alimentari secondo la rivista francese 60 Millions de consommateurs

La rivista francese 60 Millions de consommateurs dichiara guerra agli integratori per dimagrire, e stila …

Un commento

  1. Avatar

    Mi sembra una decisione esagerata e dannosa per il consumatore. I fitosteroli riducono effettivamente la colesterolemia (tra il 7 e l’11% dicono le meta-analisi) e il rischio di andare in carenza di vitamine (o pro-vitamine) liposolubili è ipotizzabile solo per assunzione superiori ai 3.5 g/die.