;
Home / Nutrizione / Porzioni più piccole e cibi di migliore qualità in mensa per combattere l’obesità: la ricetta dei ricercatori di Cambridge

Porzioni più piccole e cibi di migliore qualità in mensa per combattere l’obesità: la ricetta dei ricercatori di Cambridge

mensa ristorazioneRidurre le porzioni e la disponibilità di alimenti di bassa qualità: è questa la ricetta messa a punto dai ricercatori dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito, per convincere i frequentatori delle mense di una zona industriale a mangiare di meno, e meglio. Una ricetta che, nello studio più ampio e di maggiore durata mai condotto sull’argomento, ha confermato l’importanza della situazione in cui si trova chi mangia fuori: le scelte dipendono anche, e in misura significativa, dall’offerta, e non occorrono necessariamente stravolgimenti dei menu per essere incisivi.

Nello studio, pubblicato su PLoS One i ricercatori hanno chiesto a 19 mense di centri distributivi di una grande catena di supermercati, che servono circa 20 mila frequentatori occupati soprattutto in lavori manuali, di ridurre del 14% circa le porzioni di tutti i tipi di piatti (per esempio diminuendo il numero di polpette o le dimensioni del piatto di lasagne), da quelli principali agli snack. Inoltre hanno chiesto di modificare i menu, offrendo alimenti e bevande più sani in sostituzione di quelli peggiori come, per esempio, pollo alla griglia con verdure al posto di hamburger e patatine fritte. Quindi, dopo sei mesi, hanno controllato le calorie assunte da ogni utente, e dimostrato così che, in media, c’era stata una riduzione del 4,8% quotidiana tra coloro cui erano stati offerti alimenti più sani, e che tale valore saliva all’11% se a ciò era stata unita anche la diminuzione delle porzioni.

mensa ristorazione
Ridurre di poco le porzioni e la disponibilità di cibi poco sani nelle mense aziendali può aiutare a contrastare l’obesità

In media, i clienti hanno assunto 50 calorie in meno, quantità non irrilevante, se si considera che, di solito, gli adulti inglesi ne assumono 2-300 in più di quelle necessarie ogni giorno, e che ricavano da mense e ristoranti circa il 15% delle calorie totali. Ma a contare di più è che non sono state rilevate diminuzioni significative del numero di utenti, e solo un modesto calo dei ricavi: ciò dimostra quanto le persone possano cambiare abitudini e mantenere quelle acquisite, se messe nelle giuste condizioni, senza che i gestori dei ristoranti ne abbiano un danno economico. 

Per combattere l’obesità, secondo gli autori uno degli strumenti utili è senza dubbio un intervento sull’offerta di alimenti e bevande a chi mangia fuori casa. Azione che, senza bisogno di grandi investimenti o modifiche rilevanti, sortisce effetti che possono contribuire ad abituare le persone a mangiare di meno, e meglio.

© Riproduzione riservata Foto: depositphotos.com, istock.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Attenzione ai dolcificanti artificiali con zero calorie, potrebbero stimolare l’appetito

Quando occorre perdere peso, non si dovrebbe ricorrere ai dolcificanti artificiali e, tra questi, in …

2 Commenti

  1. Avatar

    Ottima formula x rimanere snelli e attivi. Piccole porzioni e qualità superiore del cibo.

  2. Avatar

    Con le porzioni più piccole non si combatte solo l obesità, ma anche la sonnolenza o l abbiocco. In pratica si è più svegli, ma non solo. Con le porzioni più piccole non ci sarà spreco di cibo e quindi non finirà nella spazzatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *