Home / Tecnologia e Test / Planetarie, Altroconsumo ne confronta 27. Quasi tutte buone o ottime. Come scegliere quella più adatta a sé

Planetarie, Altroconsumo ne confronta 27. Quasi tutte buone o ottime. Come scegliere quella più adatta a sé

planetarieMolto utilizzate nei programmi televisivi, le planetarie sono diventate un oggetto del desiderio. Senz’altro possono essere di grande aiuto in cucina. Ma come scegliere quale comprare? I consumatori possono individuare il tipo più adatto alle proprie esigenze leggendo i risultati dell’ultimo test di Altroconsumo. L’associazione dei consumatori ha messo alla prova 27 modelli di impastatrici valutando i prezzi minimi e massimi di mercato, le dimensioni, il peso, la facilità d’uso, la robustezza, la rumorosità, l’affidabilità della marca e l’efficacia nell’impastare composti liquidi, morbidi o duri.

Tra le caratteristiche indicate nella tabella riassuntiva compaiono anche la capacità di affettare, frullare, grattuggiare, spremere, omogeneizzare e tritare. Da non sottovalutare nella decisione la semplicità di pulizia delle parti e la manovrabilità, determinata da peso e ingombro. Il consiglio generale è di non comprare una planetaria troppo evoluta rispetto alle proprie abilità in cucina. Il rischio è di spendere più soldi del necessario e di sottoutilizzare l’elettrodomestico. Si tratta infatti di un oggetto non molto adatto ai principianti.

Le due planetarie a parimerito in vetta al test 2018 di Altroconsumo. Il giudizio è ottimo per entrambe. Prezzo, peso e dimensioni variano molto

In vetta alla classifica ci sono a parimerito due planetarie Kenwood, giudicate miglior prodotto del test: Kenwood chef XL sense KVL 6000T e Kenwood MultiOne KHH300WH, molto diverse però per prezzo, peso e ingombro.  Tra le impastatrici giudicate ottime, dieci in totale, figurano anche modelli di Electrolux e Bosch. Ben quindici altri modelli hanno comunque meritato giudizio buono. Oltre ai marchi già citati compaiono il classifica Moulinex, Kitchenaid e Smeg. In coda, con qualità media, troviamo un modello di Imetec e uno di Ariete.

Prima di procedere all’acquisto può essere utile valutare che cosa si ha già in casa. Esistono tanti piccoli elettrodomestici dal costo estremamente contenuto, che svolgono singolarmente una delle funzioni della planetaria e che forse, in realtà, sono più che sufficienti per le nostre esigenze domestiche. È il caso della macchina per il pane, che ha la funzione di solo impasto, del robot da cucina senza cottura, per preparare impasti morbidi per torte o liquidi per pastelle, e del frullatore a immersione, per montare i bianchi a neve o miscelare pastelle leggere.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

I consumatori tedeschi bocciano l’olio extravergine di oliva venduto nei supermercati. Due campioni si salvano

I consumatori tedeschi bocciano gli oli extravergini di oliva venduti nei supermercati perché, secondo le …

Un commento

  1. Mah…ho il Kmix che dovrebbe essere un ottimo prodotto. Non crea maglia glutinica. Per montare la panna va benissimo…come va benissimo il frullino da 20 euro.