Home / Pianeta / Pinne di squalo, secondo uno studio due terzi delle specie sul mercato sono a rischio estinzione

Pinne di squalo, secondo uno studio due terzi delle specie sul mercato sono a rischio estinzione

squalo makoIl numero e la varietà di specie di squali minacciate di estinzione e ciononostante pescate per venderne le pinne nei mercati internazionali del pesce è molto superiore a quanto si pensasse, e richiede un’azione urgente dei governi. Questo l’appello lanciato dagli autori di uno studio nel quale un team internazionale di ricercatori ha analizzato quasi 10mila campioni di pinne messe regolarmente in vendita nei mercati internazionali del pesce di Hong Kong (il più grande hub mondiale per questo tipo di commercio) e del sud della Cina. Come riferito su Conservation Letters, i ricercatori hanno utilizzato le più moderne tecniche di sequenziamento rapido del DNA sui campioni, e hanno così identificato nel 86 specie tra squali, razze e chimeriformi, meglio noti come squali fantasma o pesci topo. Ma 61 di esse, pari a più di due terzi del totale, sono risultate inserite nelle liste internazionali delle specie a rischio, o comunque in una situazione limite, proprio perché oggetto di un overfishing che non sembra conoscere tregue né battute d’arresto.

Lo studio ha così messo in evidenza una situazione molto critica: secondo la Lista rossa delle specie minacciate dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) del 2021, circa un terzo di questo tipo di pesci è a rischio. Ma i dati appena pubblicati dicono anche altro, e cioè che le specie in pericolo sono molte di più. Tra quelle identificate con l’analisi del DNA ne sono state trovate sia alcune tipiche del mare aperto (squali pelagici) come le verdesche (Prionace glauca) e lo squalo seta (Carcharhinus falciformis) e, soprattutto, specie che vivono più vicine alle coste, come lo squalo orlato o pinna nera minore (Carcharhinus limbatus), lo squalo bruno (Carcharhinus obscurus), lo squalo pinnacorta (Carcharhinus brevipinna) e lo squalo grigio (Carcharhinus plumbeus): secondo gli autori, queste ultime specie sono destinate a estinguersi molto presto, se non ci saranno interventi rapidi e incisivi, proprio per la loro vicinanza alle coste e, di conseguenza, la loro maggiore esposizione alla pesca. E a questi si aggiungono i membri delle specie già oggi considerate in pericolo, inserite nella Lista rossa ma, di fatto, non tutelate da alcuna norma specifica, come gli squali delle specie Carcharhinus porosus, Lamiopsis temminckii e Carcharhinus dussumieri, diversi membri della famiglia Triakidae, e poi ancora molti squali di fiume e varie specie di pesce martello.

pinne di squalo
Due terzi delle specie di squalo sul mercato delle pinne sono a rischio estinzione, secondo i risultati dello studio

Quali soluzioni adottare? Secondo gli esperti, la prima cosa da fare è inserire molte più specie nelle liste della CITES, la Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione, cui aderiscono moltissimi governi, e che prevede azioni concrete di tutela e conservazione, e che verrà aggiornata nel mese di novembre, nell’ambito della sua diciannovesima conferenza (Cop19). L’imminente incontro rappresenta infatti un’occasione unica per definire un’azione globale, hanno sottolineato, e non ci si può permettere di perderla. Ciò che bisogna fare è chiaro: le specie minacciate (soprattutto se vivono vicino alle coste) dovranno essere protette attivamente, ogni squalo venduto per il consumo umano dovrà essere tracciabile e sostenibile. I paesi, dal canto loro, hanno diverse armi per proteggere i loro squali oltre al divieto di commercio: dalla creazione di aree protette alle modifiche alle attrezzature da pesca legali, alla gestione dei periodi di cattura. Le soluzioni non mancano, ed è giunto il momento di farvi ricorso.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Tutelare la biodiversità animale e vegetale è una priorità per l’ambiente, ma anche per l’economia

Secondo una stima del World Economic Forum, oltre il 50% del prodotto interno lordo mondiale …

Un commento

  1. Perchè invece non inventarsi allevamenti di squali sostenibili, in gabbie etiche e con modalità di produzione rispettose del benessere animale. Ci mettiamo sopra una bella etichetta rassicurante e continuiamo come nulla fosse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *