Home / Sicurezza Alimentare / Che cosa c’è nel piatto: il vetro, il topo, l’insetto. Verità e leggende metropolitano sul cibo. Scaricate il dossier

Che cosa c’è nel piatto: il vetro, il topo, l’insetto. Verità e leggende metropolitano sul cibo. Scaricate il dossier

Che cosa c’è nel piatto: è un dossier che spiega come funziona il sistema di allerta e di sicurezza  alimentare in Italia e in Europa. L’epidemia da Escherichia coli 0 104 che ha colpito un mese fa la Germania, come pure la vicenda della mozzarella  blu sono solo alcuni dei casi che il sistema di allerta ha dovuto affrontare.

Che cosa c’è nel piatto racconta le bufale divulgate in rete e sui giornali (latte pastorizzato 5 volte, hamburger che non ammuffiscono mai,  la favola dell’invasione del pomodoro cinesi, il pesce Pangasio inquinato), focalizza  l’attenzione  sulle false notizie pubblicate dai media (cancellata la legge sui cibi adulterati, etichetta di origine obbligatoria….) e sulle furberie inventate da alcuni produttori per fare business.

Un capitolo è dedicato  agli spot e ai messaggi pubblicitari ingannevoli firmati da grandi aziende come: Lazzaroni, Coca-Cola, Kilocal, Danacol … censurati dall’Antitrust e dal Giurì. Si tratta di sentenze che i giornali di solito non pubblicano per motivi di opportunità.

Che cosa c’è nel piatto è interattivo: molti paragrafi sono linkati a pagine del sito per gli approfondimenti, e i lettori possono raccontare le loro storie. Per farlo basta cliccare una delle tante postazioni indicate nelle pagine, scrivere il testo e spedire direttamente la mail.

Il dossier si può scaricare gratuitamente cliccando qui

Questo è il regalo della redazione ai 209 mila visitatori unici che nel primo anno de ilfattoalimentare.it. hanno sfogliato 940 mila pagine.

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

ogm gmo alimenti sicurezza alimentare ricerca

Sicurezza alimentare: antibiotici, pesticidi e additivi sono le paure più grandi degli europei. Ma gli italiani sono i meno interessati al tema dell’Ue

A poco meno di dieci anni dall’ultima rilevazione, e in occasione della prima giornata mondiale …

8 Commenti

  1. Civera Tiziana

    Complimenti per il dossier che meriterebbe per essere letto in tutte le case per la chiarezza e la semplicità espositiva senza alcuna banalizzazione.

  2. Complimenti per il lavoro svolto!!!

  3. grazie

  4. Complimenti e grazie per l’opuscolo molto istruttivo:lo si potrebbe distribuire gratis nelle farmacie , studi medici e magari anche nelle scuole… c’è ancora troppa ignoranza in materia alimentare…le pubblicità continuano a mentire ai consumatori: più di tutto è imperdonabile spacciare per genuini prodotti poco sani ai bambini. Kinder e Nutella= OLIO di PALMA,DANNOSISSIMO x la salute utilizzato unicamente x AUMENTARE i PROFITTI,dal momento che costa pochissimo!!! Vergogna Ferrero!!

  5. grazie

  6. adduce antonio

    servizio di grande importanza complimenti per la vostra grande serietta che ci donate

  7. bisognerebbe iniziare dalla scuola elementare con una corretta educazione alimentare e proseguire in maniera diversa in tutto il ciclo scolastico

  8. Grazie di cuore. Peccato che chi non ha la possibilità di informarsi in internet, non venga a conoscenza d queste cose. Anch’io penso che dai banchi di scuola si debba abituare i bambini all’importanza che ha tutto ciò. E che giornali e televisione dovrebbero seriamente pensare a inserire quotidianamente la vera informazione. Un sistema che nasconde all’informazione queste genere di notizie, insulta l’intelligenza delle persone. In ogni caso credo che ogni cittadino dovrebbe trovare il modo di sapere cosa mangia. Grazie e complimenti per la vostra competenza.