;
Home / Allerta / Residui di pesticidi non autorizzati in arance dall’Egitto… Ritirati dal mercato europeo 53 prodotti

Residui di pesticidi non autorizzati in arance dall’Egitto… Ritirati dal mercato europeo 53 prodotti

pesticidiNella settimana n°15 del 2021 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 53 (1 sola inviata dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti nel nostro Paese oggetto di allerta comprende tre casi: migrazione di piombo e nichel da bollitore elettrico per vin brulè dalla Cina; residui di pesticidi non autorizzati (clorpirifos e dimetoato) in due lotti di arance dall’Egitto.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi nel nostro Paese che non implicano un intervento urgente troviamo: sostanza non autorizzata (clorpirifos) in prezzemolo essiccato dalla Serbia, attraverso la Germania.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala certificati sanitari inadeguati (l’indicazione di origine sull’etichetta è diversa da quella sul certificato sanitario) per filetti di acciughe in olio d’oliva dell’Albania.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Salmonella in carne di pollo (csm) dalla Polonia e cadmio in calamaro indiano… Ritirati dal mercato europeo 88 prodotti

Nella settimana n°28 del 2021 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

Un commento

  1. Avatar

    Ecco perché dovremmo cercare di acquistare sempre frutta e verdura locale e di stagione. In questo modo gli stessi consumatori alimenteranno l economia locale con l incentivo di un abbassamento dei prezzi ed eviteremo l inquinamento da trasporto di merci tramite treni, navi, o autocarri.. E poi perché non sottolineare che la frutta locale arriva più fresca rispetto a quella estera ???