Home / Nutrizione / Il pesce biologico in competizione con quello degli allevamenti intensivi. Un progetto di Crea e Cnr per favorire lo sviluppo dell’acquacoltura sostenibile

Il pesce biologico in competizione con quello degli allevamenti intensivi. Un progetto di Crea e Cnr per favorire lo sviluppo dell’acquacoltura sostenibile

Il progetto SANPEI II Crea-Cnr vuole contribuire allo sviluppo dell’acquacoltura sostenibile

Nel 2016 il biologico ha registrato un incremento di vendite del 21% nei settori dell’ortofrutta, della carne e dei formaggi. Al contrario, il pesce degli allevamenti biologici stenta a decollare. Per favorire l’adozione di modelli produttivi sostenibili in acquacoltura, a cominciare proprio da quello biologico, e per incentivare i consumi nella ristorazione collettiva pubblica, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea) ha condotto, in collaborazione con l’Istituto di Ricerca sulla Crescita Economica Sostenibile del Cnr, il Progetto SANPEI II – “Sano come un pesce biologico italiano II: valorizzazione dei prodotti da acquacoltura biologica italiana nella ristorazione collettiva pubblica”, finanziato dal Ministero delle politiche agricole.

Il progetto era finalizzato a colmare le lacune tecniche e scientifiche che ancora impediscono lo sviluppo del settore dell’acquacoltura biologica, oltre a quelle economiche come i costi di produzione e di certificazione, i mangimi poco performanti e la scarsa domanda del mercato.

Il pesce biologico non ha ancora una grande domanda di mercato, oltre a ostacoli nella produzione

Sul versante della produzione, è stata studiata per la prima volta una possibile futura fonte sostenibile di esemplari di spigole, orate e saraghi, prelevati dai laghi costieri del Parco Nazionale del Circeo e avviati a un centro sperimentale del Crea. I pesci sono stati allevati secondo i principi dell’allevamento biologico, con la somministrazione di mangimi certificati bio, ridotte densità di individui e uso limitato di farmaci allopatici, monitorando la fase di crescita e studiando vari aspetti della qualità del pesce: il contenuto lipidico, la caratterizzazione degli acidi grassi, altri aspetti organolettici e l’accrescimento.

Le analisi svolte hanno evidenziato come i giovani esemplari selvatici di orata provenienti da ambienti lagunari, presentino una qualità nutrizionale migliore. Sono stati riscontrati valori più elevati di acidi grassi omega-3 (come nel rapporto omega-3/omega-6), oltre che di alcuni macro e microelementi (sodio e magnesio, rame e ferro), rispetto a quelli  degli allevamenti intensivi.

branzini lime
I pesci allevati con il metodo biologico è ancora un prodotto di nicchia

Secondo Elena Pagliarino, ricercatrice del Cnr, “la soluzione delle criticità tecniche dell’acquacoltura biologica e l’investimento in questo settore da parte degli allevatori potrebbero ricevere una spinta dal mercato. Attualmente l’acquacoltura biologica è una nicchia, anche perché la domanda è scarsa, ma potrebbe penetrare nella ristorazione pubblica: scolastica, universitaria, sanitaria e poi anche commerciale”.

Il progetto SANPEI ha sperimentato l’introduzione nelle mense scolastiche e  in quelle universitarie del pesce biologico fresco italiano al posto di quello surgelato di specie intensamente sfruttate. “Si tratta di un’idea che, pur essendo semplice, ha una serie di criticità – sottolinea Pagliarino – nella logistica, nell’organizzazione, nella gestione del prodotto, nella preparazione delle ricette, fino al consumo. Quindi richiede innovazione in questi ambiti, tenendo sempre conto che bisogna contenere i costi, perché siamo in una sfera di acquisto pubblico”.

© Riproduzione riservata

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Close up shot of an young successful man farmer is controlling with his hands at the moment harvested corn grains in a agricultural silo.

Nel 2100 dovremo produrre l’80% di calorie in più per sfamare 11 miliardi di persone. Lo studio pubblicato su PLoS One

Siamo sempre di più, e siamo anche più alti e più grassi. Ciò significa che …

2 Commenti

  1. Avatar

    tema da seguire con molto interesse!