Home / Pianeta / Pesca sostenibile: una bella sorpresa, Europa, Cina e gli ambientalisti hanno le stesse idee

Pesca sostenibile: una bella sorpresa, Europa, Cina e gli ambientalisti hanno le stesse idee

pesciUna data memorabile per la salvaguardia dell’eco-sistema marino, il 7 febbraio 2013. Da una sponda del pianeta all’altra, il Parlamento europeo ha votato a larga maggioranza una drastica riforma della Common Fishery Policy mentre il Governo della Repubblica Popolare Cinese ha annunciato il proprio progetto sul medesimo tema. Una rotta comune, verso criteri e metodi di pesca sostenibili.

 

Greenpeace ha conquistato il cuore di chi “gira le rotelle del mondo”? Difficile a credersi, senza nulla togliere al lodevole impegno dell’Ong in questione. Si direbbe piuttosto che la politica non abbia potuto continuare a ignorare l’evidenza scientifica di un mare asfittico, destinato entro breve al totale spopolamento in assenza di una presa di posizione efficace contro il suo iper-sfruttamento. È solo una questione economica, un intervento necessario a garantire la continuità di approvvigionamento delle risorse ittiche negli anni a venire. Lo hanno capito gli americani, i cinesi e finalmente pure gli europei, dopo aver messo a tacere i recalcitranti armatori spagnoli e francesi.

 

pesci mareIl premier Wen Jiabao ha presieduto la riunione del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese (R.P.C.) ove sono state adottate le nuove linee guida che definiscono un sistema di regole atte a favorire la crescita dell’industria peschiera all’insegna della tutela ambientale. Una disciplina organica che, in linea con le regole internazionali, comprende l’intensificazione dei controlli su pesca d’altura e periodi di fermo, acquacoltura, trasformazione industriale. Come pure incentivi all’ammodernamento delle flotte, sostegno alle imprese e alle condizioni di vita dei lavoratori, infrastrutture e programmazione per il periodo 2011-2020.(1) Obiettivi già annunciati nel novembre scorso dal leader uscente Hu Jintao, al 18° Congresso del Partito Comunista Cinese.

 

pesca barcaAnche a  Strasburgo la ragione ha finalmente prevalso. Dopo decenni di politiche localistiche, gestite rovinosamente dal Consiglio dei Ministri, l’Assemblea ha imposto un’inversione di rotta che muove dai monitoraggi scientifici sullo stato di salute delle riserve idriche del continente quali basi per considerare revisioni e ripartizioni delle quote di pesca. Centralità di valutazioni e decisioni, per sottrarsi al circolo vizioso del mercanteggiare commerciale e politico che ha di fatto spopolato i nostri mari, dal Mediterraneo al Nord. Plauso generale, grande soddisfazione delle parti sociali interessate e delle Associazioni che per molti anni si erano battute invano per la salvaguardia dell’ambiente marino e dei suoi abitanti, promuovendo apposite iniziative cui Il Fatto Alimentare ha già dedicato ampi spazi.

 

Dario Dongo

 

(1) La R.P.C. amministra 32mila chilometri di linea costiera e 3 milioni di km² di acque territoriali

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

 

  Dario Dongo

Dario Dongo
Avvocato, giornalista. Twitter: @ItalyFoodTrade

Guarda qui

pulcini

Pulcini maschi, fermiamo la strage. L’appello di Animal Equality: “Italia ancora molto indietro”

“Fermiamo la strage dei pulcini maschi”. È l’appello dell’associazione animalista Animal Equality, che ha lanciato una …