Home / Pianeta / Pesca sostenibile: l’Europa propone un modello di catture per rispettare l’ecosistema. Apre il sito “E tu, di che pesce sei?”

Pesca sostenibile: l’Europa propone un modello di catture per rispettare l’ecosistema. Apre il sito “E tu, di che pesce sei?”

Il sito si chiama www.chepescipigliare.eu ed è nato per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla riduzione delle riserve ittiche a causa dell’esagerata quantità di catture. La situazione è grave visto l’82% circa delle riserve ittiche europee e più della metà (il 63%) di quelle atlantiche si possono considerarsi esaurite. Per questo motivo l’Europa è costretta a importare i due terzi del pesce che consuma. La proposta di riforma, pubblicata nello scorso mese di luglio prevede un piano di ripopolamento e ‘introduzione di modelli sostenibili. In particolare:

  • tutti gli stock ittici devono essere portati a livelli sostenibili entro il 2015, in linea con quanto previsto a livello internazionale;
  • per le varie tecniche di pesca verrà adottato un approccio ecosistemico, con piani di gestione basati su pareri scientifici;
  • verrà progressivamente eliminata la pratica dei rigetti (ributtare in mare le catture accidentali di pesce non commerciabile)  considerata uno spreco di risorse alimentari e una fonte di perdite economiche (i pescatori dovranno sbarcare tutto il pesce catturato);
  • proposte concrete per porre fine al sovrasfruttamento attraverso  l’adozione di quote individuali di cattura, misure di sostegno della pesca artigianale, migliore raccolta dei dati e promozione di un’acquacoltura sostenibile europea;
  • migliori informazioni per i consumatori su qualità e sostenibilità del pescato;
  • gli Stati membri devono definire misure appropriate per realizzare il programma di protezione
  • gli operatori devono adattare le dimensioni delle flotte alle possibilità di pesca.
  • il sostegno finanziario verrà concesso unicamente a iniziative ecocompatibili in linea con una crescita intelligente e sostenibile. 
  • Queste riforme costituiscono un pacchetto che dovrà essere  adottato secondo la procedura legislativa ordinaria e dovrebbe entrare  in vigore il 1° gennaio 2013.

Nel frattempo, per sensibilizzare l’opinione pubblica è stato lanciato il sito www.chepescipigliare.eu dove si spiega che cosa sono i rigetti, che cosa è la pesca sostenibile, evidenziando i vantaggi dell’acquacoltura. C’è anche uno spazio dedicato  al dettagliante e al consuamtore che acquista per consumo personale. Il decalogo prevede di variare spesso specie, di  scoprire nuovi sapori e di informarsi sulla provenienza.

Il sito, insieme alle iniziative delle aziende conserviere di tonno come: As do Mar, Mareblu, Coop … e alcune catene di fast-food in attesa  attesa di verifiche, che hanno scelto di commercializzare solo pesce proveniente da zome dedicate e catturato con alcuni criteri, attestano l’attenzio ne dell’opinione pubblica verso la  sostenibilità e la trasparenza.

Forse, al di là delle nuove norme che verranno adottate, siamo di fronte ad un ripensamento generale del cittadino sui metodi di pesca e sulle modalità di cattura.

© Riproduzione riservata

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

piatti vegetariani mensa cambridge

Più verdure in mensa: basta un’opzione vegetariana in più per ridurre il consumo di carne. Lo studio di Cambridge

Aumentare la disponibilità di piatti vegetariani a scapito di quelli di carne induce chi mangia …

Un commento

  1. Avatar

    Ottima iniziativa, anche se va a sovrapporsi ad altre identiche portate avanti da anni, come quelle dei siti http://www.biologiamarina.eu e la sezione ‘pesca sostenibile’ di http://www.slowfood.it.