;
Home / Pianeta / Peperoncini spaziali: il primo raccolto assaggiato dagli astronauti in orbita

Peperoncini spaziali: il primo raccolto assaggiato dagli astronauti in orbita

astronauti peperoncini stazione spaziiale iss066e023260~smallImmaginate di prepararvi un bel taco piccante con i peperoncini appena raccolti, affacciarvi alla finestra e vedere la Terra che ruota sotto di voi. Per gli astronauti a bordo della Stazione spaziale internazionale è successo davvero, quando all’inizio di novembre sono stati raccolti e assaggiati i primi peperoncini coltivati in microgravità.

I peperoncini sono stati coltivati dagli astronauti della missione Crew-2 nell’ambito dell’esperimento Plant Habitat-04, progettata per capire quali siano le piante più adatte a crescere e dare frutti nello spazio, in vista di possibili spedizioni future di lunga durata, per esempio verso Marte. Gli astronauti normalmente si nutrono di alimenti preconfezionati, che nel corso del tempo possono andare incontro a una riduzione del contenuto di vitamine. Le verdure fresche, quindi, hanno il pregio di integrare la dieta degli astronauti di vitamine e minerali. Senza contare i benefici psicologici derivanti dal ‘giardinaggio spaziale’

Gli astronauti della stazione spaziale hanno raccolto e assaggiato i primi peperoncini coltivati in microgravità

Lo scorso giugno 48 semi della varietà Hatch sono stati spediti sulla Stazione spaziale durante una missione di rifornimento e piantati in una speciale camera di coltura dotata di numerosi sensori per il monitoraggio dei parametri ambientali importanti per la germinazione e la crescita delle piantine, come ossigeno e umidità. I peperoncini sono stati scelti perché sono ricchi di vitamina C, possono essere mangiati sia crudi che cotti e sono abbastanza robusti da poter crescere nello spazio, come ha dimostrato il successo dell’esperimento. All’inizio di novembre infatti sono stati raccolti i primi peperoncini maturi, e alla fine dello stesso mese è stato effettuato un secondo raccolto, parte del quale sarà spedito a Terra per effettuare test di laboratorio.

Secondo la Nasa questo esperimento è il più complesso tentativo di coltivazione mai effettuato nello spazio perché i peperoncini hanno tempi di germinazione e crescita più lunghi rispetto ad altre specie. Non si tratta comunque del primo alimento coltivato sulla stazione ad essere consumato nello spazio: il 10 agosto del 2015 è stato mangiato dagli astronauti il primo cibo cresciuto nello spazio, una lattuga romana rossa. In totale, sulla Stazione spaziale sono state coltivate e mangiate 10 verdure diverse.

https://twitter.com/ISS_Research/status/1455573141158187008

© Riproduzione riservata Foto: Nasa

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Los Angeles, California, USA - 21 novembre 2019: logo McDonald's sullo schermo del telefono con icona su laptop su sfondo sfocato, Editoriale Illustrativo . — Foto di postmodernstudio instagram

La strategia Instagram di McDonald’s? I target sono bambini e Paesi a reddito medio-basso

Al di là di tutti gli sforzi che il colosso del fast food McDonald’s fa …