; Pasti più sostenibili combinando sussidi, carbon tax e altri interventi
Home / Nutrizione / Sovvenzionare la sostenibilità dei pasti funziona. La scelta vincente: combinare sussidi, carbon tax e interventi comportamentali

Sovvenzionare la sostenibilità dei pasti funziona. La scelta vincente: combinare sussidi, carbon tax e interventi comportamentali

carne vs verdura grigliataSovvenzionare alimenti e pasti associati a ridotte emissioni di carbonio è un metodo efficace per convincere le persone a fare scelte alimentari più sostenibili. Lo suggerisce un nuovo studio pubblicato su Based and Applied Social Psychology dai ricercatori della Queen Mary University di Londra, che hanno svolto alcuni esperimenti chiedendo a dei volontari di scegliere uno dei quattro pasti proposti in un ambiente simulato del tutto simile a quello di una normale mensa per il pranzo.

I ricercatori hanno verificato cosa succede se un certo pasto o, all’interno di esso, gli alimenti più sostenibili sono contrassegnati come i più popolari, oppure utilizzando etichette a semaforo, per sollecitare comportamenti responsabili. Gli autori hanno osservato anche se le opzioni migliori dal punto di vista ambientale hanno un prezzo ridotto perché sostenuti da appositi sussidi o, al contrario, costano di più perché collegati a una tassazione sulle emissioni, una carbon tax.

Tanto la tassa sul carbonio, quanto le etichette e gli interventi comportamentali non sembrano avere effetti degni di nota quando sono proposti da soli. Tuttavia, quando sono associati agli sconti, applicati solo su frutta e verdura, resi possibili dal denaro in più pagato da chi sceglie alimenti a base di carne (carbon tax), ad elevata impronta di CO2, la situazione cambia. Le scelte dei consumatori, in quel caso, si modificano, e in una settimana si ottiene un calo medio del carbonio associato ai pasti del 24%. La leva più potente sembra insomma essere quelle economica, soprattutto quando si concretizza in uno sconto, ancora meglio se ottenuto grazie a tasse specifiche. 

Secondo le stime effettuate dai ricercatori, l’insieme di tutti i provvedimenti in un anno porterebbe a diminuire le emissioni di CO2 di ogni persona di 80 kg rispetto a quelle di chi non modifica le proprie scelte: un quantitativo simile a quello che produce un’automobile che percorra circa 320 km.

Di solito – hanno spiegato gli autori – in questo genere di studi si analizza l’effetto di un intervento alla volta, e raramente si vedono conseguenze di entità rilevanti. Ma nella realtà è possibile introdurne più di uno contemporaneamente, e contare sull’effetto sinergico: proprio quello che sembra essere successo in questo caso, che ha anche permesso di capire che la convenienza economica, ancora meglio se motivata da ragioni ambientali, è lo stimolo è più forte a cambiare abitudini.

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

glass of soda water and sugar

Lo zucchero aggiunto in cibi e bevande raddoppia la produzione di grassi nel fegato. Sotto accusa fruttosio e saccarosio

Per aumentare in misura significativa la produzione di grassi basta pochissimo zucchero. E l’effetto si …

Un commento

  1. Avatar

    “denaro in più pagato da chi sceglie alimenti a base di carne (carbon tax), ad elevata impronta di CO2”

    È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *