Home / Allerta / Filamenti di metallo in pasta sfoglia refrigerata e solfiti in spezie Chana masala… Ritirati dal mercato europeo 66 prodotti

Filamenti di metallo in pasta sfoglia refrigerata e solfiti in spezie Chana masala… Ritirati dal mercato europeo 66 prodotti

pastafillo cruda pasta sfogliaNella settimana n°7 del 2018 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 66 (8 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende sette casi: istamina in lombi di tonno refrigerato dallo Sri Lanka; filamenti di metallo in pasta sfoglia refrigerata dall’Austria, con materie prime provenienti dall’Italia; solfiti non dichiarati in miscela di spezie Chana masala della marca MDH (in confezione da 100 g, e TMC: 30.01.2019) dall’India, attraverso la Germania; focolaio di origine alimentare causato da norovirus (GI; GII) in ostriche vive dalla Francia; soia non dichiarata in preparato per torte, senza glutine, dall’Italia; focolaio di origine alimentare sospettato di essere causato da ostriche vive dalla Francia; fili di metallo in foglie di barbabietole porzionate, congelate, dal Belgio e dai Paesi Bassi.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: irradiazione non autorizzata per acciughe essiccate dal Vietnam, attraverso il Regno Unito; infestazione da parassiti (Anisakis) in merluzzo refrigerato (Gadus morhua) dai Paesi Bassi; istamina in sardinella in scatola in olio di semi di girasole dalla Tunisia.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: Listeria monocytogenes in trota iridea affumicata, scongelata, dall’Italia, con materie prime provenienti dall’Estonia; presenza di tossina di Shiga, prodotta dal gruppo Escherichia coli, in carne di manzo disossata, congelata dal Brasile; presenza di DNA di ruminanti nella carne di cavallo e farina di ossa destinati a mangime, provenienti dall’Argentina.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, la Germania segnala alto contenuto di aloina in integratore alimentare.

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

burrata mozzarella formaggi made in italy

Listeria in burrata italiana esportata e Salmonella in tacchino dalla Polonia… Ritirati dal mercato europeo 69 prodotti

Nella settimana n°3 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti …