Home / Sicurezza Alimentare / Ostriche: una su dieci è contaminata da norovirus. I risultati allarmanti dell’ultimo lavoro dell’Efsa

Ostriche: una su dieci è contaminata da norovirus. I risultati allarmanti dell’ultimo lavoro dell’Efsa

ostriche molluschi pesceIn un caso su tre le ostriche, al momento della raccolta, sono contaminate da norovirus, un virus a trasmissione orofecale che può causare tossinfezioni alimentari anche gravi. E anche se al momento della commercializzazione la percentuale scende significativamente, il rischio è comunque presente: in tutta Europa.
Sono queste le preoccupanti conclusioni cui è giunta l’Efsa, che dopo avere controllato e monitorato la situazione ha reso noti i risultati del lavoro.

Tra il 2016 e il 2018 i ricercatori hanno raccolto oltre 2.100 campioni in 12 stati di tutto il continente sia nelle aree di produzione (172) che nei punti di commercializzazione (207). Tutti i campioni sono stati sottoposti a test genetici per rilevare e quantificare la presenza del genoma virale. Il virus è stato trovato nel 34,5% delle ostriche prelevate presso i siti di produzione e nel 10,8% dei frutti di mare in vendita. In entrambi i casi, i picchi di contaminazione sono stati riscontrati tra novembre e aprile e il livello medio è stato di 337 copie di materiale genetico per grammo (cpg) nelle zone di produzione, e di 168 cpg nelle altre. Inoltre, la metà circa delle ostriche (il 17,5% di quelle dei siti di produzione e il 5,59% delle altre) aveva una media di 200 cpg, mentre le percentuali di quelle con valori superiori a 500 (indice considerato ad alto rischio di infezioni e di epidemie) sono state  rispettivamente, 8,71% e 1,17%.

Come previsto le ostriche provenienti dalle zone A (quelle meno a rischio dove molluschi e pesci non necessitano di trattamenti particolari) sono state quelle con minori concentrazioni di norovirus, rispetto a quelle allevate in aree di classe B dove vengono sempre sottoposte a purificazione.

Albert Amgar, nel suo blog, ricorda che per avere un’idea del livello di contaminazione fecale delle acque di una zona di produzione di ostriche si misura la concentrazione di Escherichia coli. I  risultati sul norovirus di Efsa suggeriscono che per le ostriche potrebbe essere molto utile introdurre un nuovo parametro di  valutazione. Il fatto che il virus sia presente in un lotto su dieci tra quelli presenti nei punti vendita – conclude il rapporto Efsa – può rappresentare un problema di sanità pubblica, e va tenuto nella giusta considerazione.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

bere acqua

Pfas: acqua, latte e uova sono le principali fonti di esposizione alimentare. Il rapporto dell’Istituto superiore di sanità

È l’acqua la principale fonte di esposizione ai famigerati Pfas, seguita dagli alimenti prodotti a …

4 Commenti

  1. giulia acerbis

    Curiosità. Si scrive nell’articolo che viene controllato e quantificato il materiale genetico virale. ok. Ma questo materiale potrebbe derivare da virus inattivato o silente e quindi non sufficiente a scatenare una infezione? C’è una stretta correlazione tra quantità di materiale genetico virale è percentuale di insorgenza della patologia?

    • Valeria Nardi

      Se il cpg (materiale genetico per grammo) ha valori superiori a 500 c’è un alto rischio di infezioni e di epidemie. La metà circa delle ostriche (il 17,5% di quelle dei siti di produzione e il 5,59% delle altre) aveva una media di 200 cpg, mentre le percentuali di quelle con valori superiori a 500 sono state rispettivamente, 8,71% e 1,17%.

  2. Vorrei fare un domanda . Si parla di “norovirus” ma per quanto riguarda la sicurezza alimentare di tutti i prodotti ittici che vanno consumati crudi basterebbe eliminare questo problema usando un generatore di ozono quindi un ozonizzatore che purifica e sterilizza a lampada Uv da posizionare nelle vasche di affinazione prima dell’immissione sul mercato dei vari prodotti ?

  3. Gino Buccellati

    Non sono riuscito a trovare la corrispondenza geografica con le zone A e B menzionate nell’articolo, potreste indicarmi dove sono situate?
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *