Home / Controlli e Frodi / Falso olio extra vergine di oliva pugliese: in realtà contiene soia e girasole. Truffa segnalata dalla Germania

Falso olio extra vergine di oliva pugliese: in realtà contiene soia e girasole. Truffa segnalata dalla Germania

olio extra vergine puglia
Questa è l’etichetta del falso olio extra vergine di oliva pugliese

Il Ministero della salute ha ricevuto una segnalazione dall’Assistenza Amministrativa e Cooperazione tedesca dove si denuncia la commercializzazione di falso olio extra vergine di oliva pugliese di provenienza ignota. Le lattine da 5 litri che riportano come termine minimo di conservazione la data del 12/2017 contengono una miscela di olio di soia e girasole colorato (in genere si usa un pizzico di clorofilla per dare la tipica tonalità verde scuro). Le aziende italiane coinvolte si trovano in Puglia e sono il confezionatore, localizzato in via Montesilvano 1 a Cerignola e il grossista “Eurocatering di Merra Paolo” Via SS 16 Km 1.500, sempre di Cerignola.

In seguito ad accertamenti dei Nas  si è scoperto che l’indirizzo indicato sulla lattina indica un’azienda dismessa. Vista l’impossibilità di controllare l’origine del prodotto e non potendo verificare se il finto olio extra vergine di oliva viene venduto anche in Italia il Ministero della salute ha pubblicato la notizia sul sito e ha  formalizzata una notifica al sistema di allerta europeo (RASFF).

 

ATTENZIONE, ALLERTA CIBO, ALLERTA ,PERICOLO  183636027 allergeni
il Ministero della salute si rifiuta categoricamente di segnalare sul sito l’elenco dei prodotti alimentari ritirati dal mercato

La decisione del Ministero di segnalare una frode commerciale che comporta implicazioni di tipo sanitario per le persone allergiche alla soia o al girasole  è interessante ma viene spontaneo chiedersi perché non ci sia altrettanta attenzione per le decine di prodotti ritirati dagli scaffali dei punti vendita a causa di contaminazioni batteriche o per l’eccessiva presenza di antiparassitari e metalli pesanti. Anche queste allerta comportano un risvolto sanitario cronico o acuto per i consumatori e sono altrettanto se non più gravi di una frode commerciale come quella dell’olio extra vergine. Nonostante ciò il Ministero si rifiuta categoricamente di segnalare sul sito l’elenco dei prodotti ritirati dal mercato. Il Ministero della salute ha una visione fortemente miope della prevenzione sanitaria e, per motivi difficili da comprendere, preferisce tenere queste notizie nascoste nei cassetti dell’ufficio che si occupa del sistema di allerta (Rasff).

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Fraud Alert Caution Defend Guard Notify Protect Concept

Truffe online a danno di Conad, Esselunga e Unieuro, è successo anche a noi: i falsi messaggi che promettono premi e rubano dati

Le truffe virtuali sfruttano anche i marchi dei supermercati: pochi giorni fa, una nostra collaboratrice …

3 Commenti

  1. Avatar

    Ma che bella figura, un’ altra delle nostre belle figure all’ estero. Qui basta allungare mazzette e si bypassano tutti i controlli.

    • Avatar

      Gent.ma Valentina non sia così approssimativa. L’Italia fa tante brutte figure all’estero e su vari fronti, ma Lei crede che negli altri paesi Europei e Mondiali siano tutti santi e profeti? Inoltre, le spiego una cosa, e non si offenda se la faccio riflettere: in Italia c’è molto disordine sopratutto al Sud… Altro che mazzette…è molto peggio. La saluto cordialmente

    • Avatar

      Gent.mo sig. Francesco S., non si offenda se le ricordo che, nel caso lei si riferisca alla mafia del Sud quando parla di “disordine”, quella esista nella stessa misura anche al Nord, mazzette comprese.
      Poi, da cittadina italiana, non mi rinfranca pensare che cio’ che succede dell’agroalimentare in Italia, di cui tanto ci piace rimpirci la bocca in quanto ad “eccellenza”, equivalga a cio’ che succede in Germania o Francia. Mi perdoni se l’ho fatta riflettere.
      Cordialmente, Valentina