Home / Pianeta / Angelo l’orango ferito per lasciare spazio alle piantagioni di olio di palma. La foto di Word Press. Fermiamo l’invasione del grasso tropicale. Firma la petizione

Angelo l’orango ferito per lasciare spazio alle piantagioni di olio di palma. La foto di Word Press. Fermiamo l’invasione del grasso tropicale. Firma la petizione

orango, olio di palma
Angelo, un orango maschio di 14 anni che aspetta di essere visitato nel centro di assistenza del SOCP in Indonesia. Lo hanno trovato in una piantagione di olio di palma colpito da proiettili ad aria compressa

Questa è la fotografia di Angelo, un orango maschio di 14 anni  che aspetta di essere visitato nel centro di assistenza del  SOCP (Programma di conservazione  degli oranghi a Sumatra) in Indonesia. Lo hanno trovato in una piantagione di palma da olio con proiettili  ad aria compressa nel corpo. La domanda mondiale di olio di palma utilizzato nel 90% dei prodotti da forno italiani, nei cosmetici e anche per biocarburanti è in crescita. In Italia l’incremento delle importazioni di olio di palma nel 2014 è stato del 26%. Tutto ciò comporta il continuo abbattimento delle foreste pluviali  dove vivono gli oranghi, per ricavare terreno agricolo destinato alle piantagioni di palma da olio. Il SOCP ha fino ad ora salvato 280 oranghi riuscendo a riportarne allo stato brado 200.

 

Questa foto rientra nel gruppo di immagini  scelte quest’anno da Word Press Photo, un’organizzazione indipendente senza fini di lucro, fondata ad Amsterdam nel 1955 per sostenere il fotogiornalismo. Ogni anno una giuria internazionale valuta migliaia di scatti e le foto selezionate entrano a fare parte di una mostra itinerante che tocca più di 100 città in 45 paesi visitata da oltre 2 milioni di persone.

 

olio di palma
Per conoscere quali sono i prodotti senza olio di palma abbiamo redatto l’elenco completo dei biscotti, delle creme alla nocciola , di snack e grissini, e delle merendine che non contengono l’olio da palma

In questi giorni la mostra si trova a Milano alla Galleria Sozzani in corso Garibaldi a Milano. L’ingresso è gratuito e la mostra  resta aperta sino al 31 maggio 2015. Domenica 3 maggio  il programma della Rai Report racconta la storia delle piantagioni e di come vengono distrutte le foreste pluviali dove abitano gli oranghi per piantare palme da olio destinato a finire nei nostri prodotti alimentari. Il Fatto Alimentare  ha avviato una petizione su Change.org per contrastare l’invasione dell’olio di palma che ha raggiunto 118 mila firme. La petizione ha convinto molte catene di supermercati come Coop, Esselunga, Ikea, Ld Market a togliere  o a ridurre la quantità di olio di palma nei prodotti. Per conoscere quali sono i prodotti senza olio di palma abbiamo redatto l’elenco completo dei biscotti, delle creme alla nocciola , di snack e grissini, e delle merendine che non contengono l’olio da palma.

Firma anche tu la petizione clicca qui abbiamo raggiunto 118 mila firme

stop-olio-di-palma-petizione-schermata-294x300

Sara Rossi

Riproduzione riservata

 

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

bambini natura estate ciliegie frutta

Coop dice no al glifosato: un passo avanti a difesa dell’ambiente. La cooperativa mette al bando quattro pesticidi controversi da frutta e verdura

Continuando nel suo impegno per un’agricoltura meno inquinante, Coop ha da poco avviato l’eliminazione dalla …

12 Commenti

  1. davide tupputi

    Salviamo il Pianeta

  2. Tutti i produttori che non fanno uso di olio di palma dovrebbero scriverlo sulla confezione, affinché le persone ignare sappiano che questo prodotto può nuocere alla salute !

  3. Peccato che chi ne potrebbe parlare seriamente ed ad un pubblico più ampio, mi riferisco a Report, ne parli superficialmente e dicendo che aziende come la Ferrero si sono impegnate a sostituirlo con “altro” (tipo l’olio di cocco altrettanto pieno di grassi saturi ottura arterie??).
    Troppe occasioni sprecate.

  4. Non tutti i produttori utilizzano olio di palma\ cocco. La maggior parte dei prodotti biologici http://www.blog.universobio.com contengono solo olio di girasole oppure solo olio extravergine d’oliva, nei prodotti convenzionali è difficile riuscire a trovare questi ingredienti.

  5. in Francia ho trovato economici ed ottimi biscotti fatti con Burro!!!
    tutti i dolci inoltre erano al burro e posso garantire che sono di gran lunga più buoni e digeribili.
    dovrebbero sostituirlo col burro, in modo tale da dare una mano anche ai nostri produttori.

  6. Anna Chiara Sartori

    è diventato difficilissimo trovare prodotti senza quest’olio: cominciano ad usarlo perfino le panetterie locali: facciamolo sparire dagli ingredienti!!!

  7. Basta con sto scempio!!

  8. Sostituirlo col burro? Ma anche no. . Olio di girasole o mais..

  9. Ok, togliamo l’olio di palma, e cosa usiamo al posto?
    Il burro, che oltre ad essere meno salutare è sicuramente meno sostenibile, oppure l’olio di oliva, la cui produzione è in costante calo, oppure soia mais girasole, che hanno rese ridicole in confrontto all’olio di palma…
    Prima di boicottare qualcosa bisognerebbe farsi un’idea delle alternative!
    Per non saltare dalla padella alla brace!

    • Roberto La Pira

      Le alternative si chiamano olio di mais, di girasole di arachide di oliva e anche il burro . Abbiamo recensito oltre 250 prodotti che non usano il palma.

    • Si ma questi prodotti sono una minoranza, se tutte le aziende sostituissero l’olio di palma con questi oli, la cosa sarebbe ambientalemente sostenibile?
      Ricordo che il mais ha una resa di 172 litri di olio per ettaro, il girasole 779, l’oliva 1212, l’arachide 1059, la palma 5950!!! (fonte http://www.advancedinergies.com)

    • Roberto La Pira

      Il problema è diverso , basterebbe che le aziende proponessero nel loro assortimento biscotti , snack, merendine e altri prodotti senza il palma ,allo stesso prezzo , dando così la possibilità di scegliere.