Home / Pianeta / Olio di palma: la deforestazione del Borneo continua. L’unica speranza sono i consumatori e le scelte consapevoli

Olio di palma: la deforestazione del Borneo continua. L’unica speranza sono i consumatori e le scelte consapevoli

Nell’ottobre 2015 Johan Reboul, un giovane liceale allora diciassettenne di Nimes, aveva lanciato sulla piattaforma Change.org una petizione per chiedere alla Lu, marchio francese di biscotti e prodotti da forno, di abbandonare l’olio di palma. A distanza di tre anni Reboul ha pubblicato un aggiornamento sulla spinosa questione. Lo youtuber Le Grand JD accompagnato dal giornalista  Bernard Genier (RTS), sono andati nel Borneo, Indonesia, e hanno testimoniato la loro esperienza in un video prodotto dalla Radio Televisione Svizzera (RTS). Contrariamente a quanto affermano le aziende e gli enti certificatori, la distruzione delle foreste causata da olio di palma avanza con sempre più disastrose conseguenze sulla biodiversità e le tribù locali.

Il documentario evidenzia una situazione drammatica, dove solo il 5% della foresta naturale è ancora presente nell’isola. Le conferme di questi dati disarmanti arrivano anche dall’ambientalista David Gaveau, del Center for International Forestry research, che ha analizzando migliaia di immagini satellitari della zona Borneo dagli anni ’70 ad oggi.

olio di palma piantagioni borneo indonesia 2018Il video mostra che l’olio di palma, indipendentemente dalla sua cosiddetta etichetta sostenibile, è responsabile della deforestazione di massa in Indonesia e Malesia. Secondo Johan Reboul, questi ultimi luoghi incontaminati possono ancora essere salvati se i consumatori alzano la loro voce contro le multinazionali che usano l’olio di palma. La sua petizione è ancora attiva e ha ormai superato 200 mila firme. Per sottoscrivere l’appello su Change.org cliccare qui.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Piglet vaccination

Nuove regole Ue sui farmaci veterinari per combattere la resistenza agli antibiotici. Standard validi anche per gli alimenti importati

Il Parlamento europeo ha dato il via libera alla nuova legislazione sull’autorizzazione all’immissione in commercio, …

5 Commenti

  1. MA se piantassimo girasoli non servirebbe deforestare? La richiesta di grassi vegetali aumenta, quale sarebbe la soluzione proposta?

  2. purtroppo continuo a vedere gente che acquista prodotti ferrero (non ha intenzione di cambiare grasso) che pubblicizza il suo grasso di palma come migliore in assoluto …. finche non viene proibito per legge continueranno in questa deforestazione … via lì da un’altra parte …. con questo grasso viene estrapolato anche un carburante e tanto altro …. e poi ci sono molti consumatori che non guardano gli ingredienti ma solo il prezzo ….

  3. siamo ancora qui … FACCIAMO SEMPRE ATTENZIONE A QUELLO CHE ACQUISTIAMO … basta OLIO DI PALMA … e se non vi interessa la vostra salute FATELO X IL PIANETA … la deforestazione porta ad un impoverimento del “polmoneverde” che serve a tutta l’umanità x riportare ossigeno nell’aria che noi continuiamo ad inquinare …. LA FORESTA DE BORNEO NON E’ DEL TERRITORIO DOVE SI TROVA .. MA DI TUTTO IL MONDO … e per quanto riguarda i prodotti ce ne sono molto migliori e Italiani che non lo usano … acquistiamo questi e aiutiamo la nostre aziende Italiane al 100xcento