;
Home / Nutrizione / In Italia diminuiscono i bambini in sovrappeso e quelli obesi, ma persistono cattive abitudini alimentari. I risultati del progetto Okkio alla salute del Ministero

In Italia diminuiscono i bambini in sovrappeso e quelli obesi, ma persistono cattive abitudini alimentari. I risultati del progetto Okkio alla salute del Ministero

okkio alla salute
La dieta bilanciata è uno degli obiettivi più difficili da ottenere a tavola con i bambini

In Italia, i bambini obesi e in sovrappeso sono diminuiti del 13%, in meno di dieci anni. È questo l’ultimo dato rilevato dal Sistema di sorveglianza Okkio alla salute, promosso dal Ministero della salute/Ccm (Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie), coordinato dall’Istituto superiore di sanità. I dati sono stati raccolti su un campione di 48.946 bambini di 8-9 anni e 48.464 genitori, rappresentativo di tutte le regioni italiane. Nonostante la lenta diminuzione del fenomeno, l’Italia rimane una tra le nazioni con il più alto tasso di bambini in sovrappeso e obesi, come dimostra la Cosi (Childhood obesity surveillance initiative), iniziativa internazionale a cui partecipano più di 30 paesi europei.

“L’obesità è diventata uno dei maggiori problemi di sanità pubblica in Italia. Nonostante il miglioramento registrato dagli ultimi dati restano forti differenze geografiche tra Nord e Sud, a discapito di quest’ultimo” – dichiara Walter Ricciardi, presidente dell’Iss – “Serve lavorare sull’educazione. Il 40% dei genitori con figli sovrappeso è convinto che abbiano un peso nella norma”

La rilevazione 2016 ha confermato i dati precedenti relativi alla grande diffusione tra i bambini di abitudini alimentari errate, seppure sia aumentato il consumo di frutta e/o verdura e diminuito quello di bevande zuccherate e/o gassate. “In Italia l’8% dei piccoli salta la prima colazione e il 33% la fa in modo inadeguato, cioè sbilanciata in termini di carboidrati e proteine condizionando negativamente l’equilibrio calorico del resto dei pasti”, spiega Angela Spinelli del Centro nazionale prevenzione delle malattie e promozione della salute, che sottolinea anche come sia proprio la dieta bilanciata uno degli obiettivi più difficili da ottenere a tavola con i bambini.

okkio alla salute
I bambini trascorrono troppe ore al giorno davanti allo schermo del computer o del televisore

Altra nota negativa riguarda l’attività fisica. Il 23,5% dei bambini svolge giochi di movimento non più di un giorno alla settimana, il 33,8% svolge attività fisica strutturata con la stessa frequenza. Inoltre, solo un bambino su quattro si reca a scuola a piedi o in bicicletta. Prevale dunque la sedentarietà. Complice l’uso scorretto della tecnologia: troppe ore al giorno trascorse davanti ai televisori, tablet e cellulari.

L’obesità rappresenta un importante fattore di rischio di malattie croniche e, se presente in età pediatrica, si associa ad una più precoce insorgenza di patologie tipiche dell’età adulta. E quindi necessario un intervento urgente e incisivo per contrastare il fenomeno. Tutte le Regioni sono impegnate nella realizzazione del Piano nazionale della prevenzione (Pnp) 2014-2018 che, secondo l’approccio del programma “Guadagnare salute”, interviene attraverso strategie di popolazione. Particolarmente importante è il ruolo della scuola che dovrebbe supportare e stimolare comportamenti salutari, coinvolgendo le famiglie e l’intera comunità scolastica.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Clara Gasparri

Avatar

Guarda qui

Attenzione ai dolcificanti artificiali con zero calorie, potrebbero stimolare l’appetito

Quando occorre perdere peso, non si dovrebbe ricorrere ai dolcificanti artificiali e, tra questi, in …