Home / OGM / L’Italia ha notificato all’Unione europea la richiesta per il divieto di coltivazione degli Ogm su tutto il territorio

L’Italia ha notificato all’Unione europea la richiesta per il divieto di coltivazione degli Ogm su tutto il territorio

OGM
L’Italia chiede il divieto di coltivazione degli OGM autorizzati in Europa

Il ministro dell’Agricoltura, d’intesa con i ministri dell’Ambiente e della Salute, ha notificato alla Commissione europea la richiesta per il divieto di coltivazione, su tutto il territorio italiano, degli Ogm autorizzati a livello europeo. La richiesta è stata fatta in base alla nuova direttiva europea 2015/412 dell’11 marzo 2015, che consente agli Stati membri di vietare al proprio interno la coltivazione degli organismi geneticamente modificati.

La richiesta italiana è stata inviata il 1° ottobre, due giorni prima della scadenza prevista dalle misure transitorie della direttiva europea. Come risulta dal sito della Commissione europea, prima del nostro paese hanno avanzato la stessa richiesta Austria, Cipro, Croazia, Francia, Galles, Germania, Grecia, Irlanda del Nord, Lettonia, Lituania, Olanda, Polonia, Scozia e Ungheria. Il Belgio ha fatto richiesta di divieto solo per la regione della Vallonia. Secondo quanto riferisce Greenpeace, sul filo di lana si sono aggiunte, oltre all’Italia, anche Bulgaria, Danimarca, Lussemburgo e Slovenia.

OGM food
Il divieto riguarda otto varietà di mais

Il divieto riguarda otto varietà di mais geneticamente modificato: una già autorizzata, il MON810 di Monsanto, e altre sette in via di autorizzazione. Nove paesi (Austria, Bulgaria, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Polonia e Ungheria) avevano già vietato la coltivazione del mais geneticamente modificato MON810 già prima dell’approvazione della nuova direttiva, ricorrendo alle cosiddette clausole di salvaguardia.

 

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Lemons on the bright cyan background

Limoni, arrivano gli OGM per salvare l’industria USA da un’epidemia catastrofica. Ma cosa ne pensa l’opinione pubblica americana?

Che cosa pensano gli americani di frutta e verdura geneticamente modificate? Sono davvero così contrari …

2 Commenti

  1. Avatar

    E qui facciamo il nostro solito errore, vietiamo la coltivazione interna ma non vietiamo l’acquisto.
    Risultato?? ci prendiamo come al solito solo i danni. il mais, la soia e gli altri ogm potranno essere importati, acquistandoli metteremo i soldi nelle tasche di qualcun’altro e noi avremo comunque gli OGM in circolazione.
    Giusto o sbagliato che sia l’utilizzo di OGM è necessario a mio avviso vietarne anche l’importazione e non solo la coltivazione. Oppure autorizzare la coltivazione e l’importazione.

    • Avatar

      Perfettamente d’accordo con Lei, il punto è che sanno che vietandone l’importazione si distruggerebbe l’intero settore zootecnico italiano e a seguire una buona fetta dell’industria alimentare italiana, ma si preferisce tacere questo fatto ai consumatori e proseguire in questa via di mezzo ipocrita, bloccando oltretutto ogni possibilità di ricerca pubblica.