Home / OGM / Non producono Ogm. 85 scienziati e istituti di ricerca in difesa delle moderne tecniche di modifica del genoma

Non producono Ogm. 85 scienziati e istituti di ricerca in difesa delle moderne tecniche di modifica del genoma

OGMDopo la sentenza della Corte di giustizia europea di luglio, che ha stabilito che la legge sugli Ogm vale anche per tutte le nuove biotecnologie applicate all’agricoltura, 85 enti e istituti di ricerca europei – per l’Italia tra gli altri Cnr, Scuola Superiore Sant’Anna e Società italiana genetica agraria – hanno sottoscritto un documento in cui chiedono all’Ue di aggiornare la legislazione in materia, per evitare che l’Europa sia tagliata fuori dalla ricerca e dall’innovazione in questo campo.

Il documento esprime profonda preoccupazione, perché l’applicazione della normativa sugli Ogm anche alle moderne tecniche di modifica del genoma, che non inseriscono negli organismi viventi del Dna a loro estraneo, potrebbe portare a un divieto di fatto della coltura innovativa. Di conseguenza, gli agricoltori europei potrebbero essere privati ​​di una nuova generazione colture più resistenti ai mutamenti climatici, con una migliore composizione nutrizionale, una migliore digeribilità, un minor contenuto di composti antinutrizionali e una ridotta allergenicità.

ogm mais monsanto 463509575
L’uomo per secoli ha migliorato le colture con tecniche convenzionali di selezione che già inducevano cambiamenti genetici nelle piante

I firmatari del documento ricordano che il miglioramento delle colture è stato fatto per secoli con le tecniche convenzionali di selezione delle piante, il che ha portato a cambiamenti genetici nella pianta. Oggi, le tecniche innovative rappresentano un passo avanti e consentono di apportare le modifiche genetiche desiderate con altissima efficienza e precisione.

L’applicazione della normativa sugli Ogm, con gli obblighi di valutazione del rischio, autorizzazione, monitoraggio, tracciabilità ed etichettatura, “ostacolerà i progressi nell’agricoltura sostenibile e creerà uno svantaggio competitivo alle industrie di selezione vegetale in Europa”, scrivono i firmatari, avvertendo che “gli impatti sulla nostra società e sull’economia saranno enormi”.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

ogm mais monsanto 463509575

Gli Usa decidono l’etichettatura degli alimenti Ogm. Si chiameranno “bioengineered” e sono previste molte eccezioni

Dopo anni di discussioni e una consultazione pubblica, il governo statunitense ha emanato le regole …