Home / Nutrizione / Obesità: dichiarazione Onu per riformulare i prodotti malsani e fare meno pubblicità ai bambini.

Obesità: dichiarazione Onu per riformulare i prodotti malsani e fare meno pubblicità ai bambini.

obesitàIl 27 settembre, nel corso della 73° Assemblea generale dell’Onu, si è tenuto il terzo Meeting di alto livello, dopo quelli del 2011 e 2014, sulla prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili, come cancro, diabete e obesità. Nel corso della riunione è stata approvata una Dichiarazione politica, in cui si sottolinea che molti Paesi devono ancora fare molto per mantenere gli impegni presi e si sottolinea con “grande preoccupazione” il significativo impatto di queste malattie sui bambini, in particolare i crescenti livelli di obesità. A questo fine, viene chiesto l’impegno del settore privato a “ridurre ulteriormente l’esposizione e l’impatto sui bambini della commercializzazione di alimenti e bevande ad alto contenuto di grassi, in particolare grassi saturi e grassi trans, zuccheri o sale”.

Con la Dichiarazione politica, gli Stati si impegnano ad aumentare gli sforzi e a implementare ulteriormente alcune azioni, tra cui “promuovere e attuare misure politiche, legislative e regolamentari, incluse misure fiscali appropriate, volte a ridurre al minimo l’impatto dei principali fattori di rischio e a promuovere diete e stili di vita sani”.

In particolare, il testo approvato in sede Onu invita “il settore privato a rafforzare il proprio impegno e il proprio contributo all’implementazione di risposte nazionali”. Tra le misure indicate in campo alimentare, c’è la richiesta di “ulteriore produzione e promozione di prodotti alimentari coerenti con una dieta sana, compiendo ulteriori sforzi per riformularli al fine di fornire opzioni sane e nutritive, riducendo l’uso eccessivo di sale, zuccheri e grassi, in particolare grassi saturi e grassi trans”, oltre a fornire informazioni appropriate su questi ingredienti, “tenendo presenti le linee guida internazionali sull’etichettatura nutrizionale”.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Elena Mattioli

Elena Mattioli

Guarda qui

Woman Suffering Toothache After Eating Chocolate

Zucchero & carie: è il momento di scelte radicali per la salute dentale. A partire dalle responsabilità di Big Sugar

Le campagne di salute pubblica hanno troppo spesso ignorato quella dentale, ma ora è indispensabile …