Home / Nutrizione / L’andamento dell’obesità in bambini e adolescenti nel mondo negli ultimi quarant’anni. Una ricerca dell’Organizzazione mondiale della sanità

L’andamento dell’obesità in bambini e adolescenti nel mondo negli ultimi quarant’anni. Una ricerca dell’Organizzazione mondiale della sanità

obesitàNegli ultimi 40 anni, nel mondo, il numero di bambini e adolescenti obesi (tra i 5 e 19 anni) è aumentato di 10 volte e in Italia la percentuale è cresciuta di quasi tre volte tra il 1975 e il 2016. È quanto emerge da uno studio condotto dall’Imperial College di Londra e dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista The Lancet. La ricerca ha analizzato peso e altezza di circa 130 milioni di persone, di cui più di 31 milioni e mezzo di età compresa tra i 5 e i 19 anni, e 97 milioni con più di 20 anni. Più di mille ricercatori hanno contribuito allo studio, con l’obiettivo di osservare come i livelli dell’indice di massa corporeo (IMC) e dell’obesità siano cambiati negli ultimi quarant’anni.

Nel periodo preso in esame, nel mondo, l’obesità nei bambini e negli adolescenti è aumentata da meno dell’1% nel 1975 (pari a 5 milioni di ragazze e 6 milioni di ragazzi) a quasi il 6% nelle ragazze (50 milioni) e quasi l’8% nei ragazzi (74 milioni) nel 2016.

In Italia, i bambini e adolescenti risultati obesi nel 2016 sono il 10,4% delle femmine (437 mila) e il 14,5% dei maschi (642 mila). A livello mondiale l’Italia si posiziona al 61° posto per le femmine e al 46° per i maschi ma tra i paesi ad alto reddito si colloca rispettivamente al 6° e 8° posto. In entrambi i sessi, l’aumento dell’IMC osservato tra il 1975 e il 2016 è stato tra i minori, se confrontato con quello degli altri paesi, con meno di un 1 unità in più di indice di massa corporea (1 kg/m2, circa 2kg in media). Se bambini e adolescenti italiani obesi sono poco più di un milione e centomila, il numero sale a circa 3,2 milioni se si considerano anche quelli in sovrappeso. L’Istituto superiore di sanità, che ha pubblicato una sintesi dello studio, osserva che recentemente si è registrata una tendenza alla diminuzione ma molto resta da fare sia nel campo dell’alimentazione che dell’attività fisica.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Supplements for sports omega in wooden spoons. Sport background. Healthy nutritional supplements. Sport, diet concept. Food supplement. integratori vitamine

Troppe vitamine fanno male: con gli integratori l’eccesso è possibile. Si rischiano gravi conseguenze, spiega Issalute

È vero che più vitamine prendo meglio sto? No, anzi è vero il contrario Un’assunzione …

2 Commenti

  1. Avatar

    Ciao, questi numeri sono spaventosi, ma cosa si potrebbe fare per farli diminuire?

    • Avatar

      educazione alimentare a partire dalla famiglia e dagli ambienti di lavoro, sensibilizzazione della popolazione, laboratori o meglio ancora lezioni a scuola, prevenzione sul territorio, iniziative a promozione del movimento e della sana alimentazione, lotta alla disinformazione e all’abuso professionale in campo alimentare, rielaborazione aggiornamento e applicazione di linee guida nazionali, revisione e coordinamento della ristorazione collettiva..