Home / Pubblicità & Bufale / In Francia il Nutri-Score diventerà obbligatorio nelle pubblicità alimentari. Chi non lo inserirà dovrà versare un contributo per la sanità pubblica

In Francia il Nutri-Score diventerà obbligatorio nelle pubblicità alimentari. Chi non lo inserirà dovrà versare un contributo per la sanità pubblica

mgaphone : nutriscoreEntro il 1° gennaio 2021, in Francia le pubblicità alimentari dovranno riportare obbligatoriamente il Nutri-Score. Lo ha deciso all’unanimità l’Assemblea nazionale, approvando una proposta di legge sulla protezione della popolazione dagli effetti dannosi del cibo spazzatura. La proposta è stata presentata dai deputati dell’opposizione di sinistra della France insoumise, ampiamente modificata dalla maggioranza e sulla quale il governo si era dichiarato comunque contrario.

L’obbligo riguarderà solo i messaggi pubblicitari diffusi via internet, radio e tv, trasmessi dal territorio francese e diretti alla Francia. Per superare la contraddizione tra l’obbligo di inserire l’etichetta nutrizionale semplificata Nutri-Score nelle pubblicità e la sua apposizione volontaria sulle confezioni alimentari, il nuovo provvedimento prevede il pagamento di un contributo destinato all’Agenzia nazionale della sanità pubblica per gli inserzionisti che non inseriranno l’etichetta Nutri-Scopre nelle pubblicità. Il contributo sarà calcolato sulla base dell’ammontare annuo delle somme destinate ai messaggi .

La proposta originaria di France insoumise, che prevedeva anche la possibilità di fissare degli obiettivi di riduzione del contenuto di sale, zucchero e acidi grassi trans in determinate categorie di alimenti trasformati, è stata ridimensionata dopo gli emendamenti della maggioranza che ha approvato solo la norma sulla pubblicità.

L’etichetta Nutri-Score, adottata dalla Francia nel novembre 2017 e successivamente anche da Belgio e Spagna, consiste in un logo a colori con cinque lettere. La lettera ‘A’ abbinata al verde scuro indica la valutazione migliore, mentre la ‘E’ abbinata al rosso indica la peggiore. La valutazione è fatta basandosi sull’insieme dei principali ingredienti e nutrienti.

In gennaio, il ministero della Salute francese ha annunciato una collaborazione con l’associazione senza fini di lucro e indipendente dall’industria Open Food Facts. L’obiettivo è incrementare nell’app di quest’ultima le etichette nutrizionali semplificate Nutri-Score, anche per i prodotti alimentari delle aziende che non la utilizzano sulle confezioni in vendita.

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

modelle

Basta anoressia e bulimia nella pubblicità. Importante decisione dello Iap contro immagini del corpo ispirate a modelli estetici

Domani 9 marzo 2019 entra in vigore un nuovo articolo (12 bis) del codice di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *