Home / Pubblicità & Bufale / In Francia il Nutri-Score diventerà obbligatorio nelle pubblicità alimentari. Chi non lo inserirà dovrà versare un contributo per la sanità pubblica

In Francia il Nutri-Score diventerà obbligatorio nelle pubblicità alimentari. Chi non lo inserirà dovrà versare un contributo per la sanità pubblica

mgaphone : nutriscoreEntro il 1° gennaio 2021, in Francia le pubblicità alimentari dovranno riportare obbligatoriamente il Nutri-Score. Lo ha deciso all’unanimità l’Assemblea nazionale, approvando una proposta di legge sulla protezione della popolazione dagli effetti dannosi del cibo spazzatura. La proposta è stata presentata dai deputati dell’opposizione di sinistra della France insoumise, ampiamente modificata dalla maggioranza e sulla quale il governo si era dichiarato comunque contrario.

L’obbligo riguarderà solo i messaggi pubblicitari diffusi via internet, radio e tv, trasmessi dal territorio francese e diretti alla Francia. Per superare la contraddizione tra l’obbligo di inserire l’etichetta nutrizionale semplificata Nutri-Score nelle pubblicità e la sua apposizione volontaria sulle confezioni alimentari, il nuovo provvedimento prevede il pagamento di un contributo destinato all’Agenzia nazionale della sanità pubblica per gli inserzionisti che non inseriranno l’etichetta Nutri-Scopre nelle pubblicità. Il contributo sarà calcolato sulla base dell’ammontare annuo delle somme destinate ai messaggi .

La proposta originaria di France insoumise, che prevedeva anche la possibilità di fissare degli obiettivi di riduzione del contenuto di sale, zucchero e acidi grassi trans in determinate categorie di alimenti trasformati, è stata ridimensionata dopo gli emendamenti della maggioranza che ha approvato solo la norma sulla pubblicità.

L’etichetta Nutri-Score, adottata dalla Francia nel novembre 2017 e successivamente anche da Belgio e Spagna, consiste in un logo a colori con cinque lettere. La lettera ‘A’ abbinata al verde scuro indica la valutazione migliore, mentre la ‘E’ abbinata al rosso indica la peggiore. La valutazione è fatta basandosi sull’insieme dei principali ingredienti e nutrienti.

In gennaio, il ministero della Salute francese ha annunciato una collaborazione con l’associazione senza fini di lucro e indipendente dall’industria Open Food Facts. L’obiettivo è incrementare nell’app di quest’ultima le etichette nutrizionali semplificate Nutri-Score, anche per i prodotti alimentari delle aziende che non la utilizzano sulle confezioni in vendita.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

spot prolon dieta mima digiuno kit

Dieta mima digiuno, censurata la pubblicità del kit ProLon inventato da Valter Longo. Per lo Iap ci sono frasi ingannevoli

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha censurato gli spot televisivi dei prodotti ProLon, i kit alimentari …