Home / Lettere / Nostromo Zero, un tonno senza grassi! I dubbi di una lettrice. La risposta dell’azienda e di Dario Dongo

Nostromo Zero, un tonno senza grassi! I dubbi di una lettrice. La risposta dell’azienda e di Dario Dongo

Tonno Naturale Nostromo Zero grassi nostromo pubblicità
Tonno Nostromo Zero (fonte: sito Nostromo)

Da un po’ in televisione viene mandata la pubblicità del tonno in scatola “Nostromo zero grassi”. Già dal nome del prodotto e dalla réclame, si esalta questa “mancanza”. Lasciando da parte il discorso che vengono demonizzati i grassi, quasi fossero il male assoluto, mi è venuto il dubbio sulla mancata veridicità. Il tonno naturalmente contiene grassi e anche dopo i processi di lavorazione continua a mantenerli, se pur in quantità minima. Ovviamente c’è differenza tra tonno sott’olio e al naturale, entrambi hanno comunque una quantità lipidica differente dal tipo di conservazione. Ma per questo “zero” non riesco a trovare il nesso. Claudia

Abbiamo inoltrato la questione all’azienda produttrice, la Nostromo. Di seguito la risposta.

Tonno Nostromo Zero è preparato selezionando solo gli esemplari più magri di tonno, con non più dello 0,5% di grassi per 100 g di prodotto. Trattandosi di tonno al naturale, non sono presenti neanche grassi da conservazione (olio). Il claim nutrizionale “senza grassi” riportato sulla confezione rispetta quanto previsto dal Regolamento (CE) 1924/2006 e dal Regolamento (UE) n. 432/2012 per gli alimenti che contengono non più dello 0,5% di grassi per 100 g di prodotto. Nostromo garantisce il rispetto di questo requisito nutrizionale grazie ad analisi sulla materia prima effettuate prima dell’inscatolamento. Solo la materia prima che corrisponde a questa caratteristica viene utilizzata per Tonno Nostromo Zero.

Di seguito il parere dell’avvocato Dario Dongo, esperto in diritto alimentare.

Il chiarimento offerto dall’azienda in merito all’indicazione nutrizionale esposta in etichetta risulta in linea con i requisiti indicati nella legislazione europea. Le indicazioni nutrizionali sono infatti disciplinate dal regolamento (CE) 1924/2006 e successive modifiche che, in allegato, reca l’elenco tassativo dei ‘nutrition claim’ ammessi e le relative condizioni d’impiego. Precisando sia i requisiti di composizione a cui gli alimenti devono rispondere per poter vantare le prerogative nutrizionali, sia il modello d’informazione da seguire di caso in caso. Per approfondimenti si veda l’articolo https://www.greatitalianfoodtrade.it/etichette/abc-indicazioni-nutrizionali.

È onere dell’azienda – nonché compito delle autorità sanitarie, sulle quali incombe la responsabilità dei controlli – verificare che il prodotto in vendita effettivamente risponda ai requisiti previsti nella legge. Vale la pena a tale proposito evidenziare che la tolleranza (in difetto o in eccesso, a seconda dei casi) è pari a zero in ipotesi di claim nutrizionali e/o salutistici.

Il regolamento europeo reca l’elenco dei ‘nutrition claim’ ammessi e le relative condizioni d’impiego

Per maggiori informazioni e approfondimenti su informazione al consumatore,  ‘claim’ e relative responsabili, si fa rinvio all’ebook1169 pene. Reg. UE 1169/11. Notizie sui cibi, controlli e sanzioni”.

©Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Inchiostro sull’affettato Coop: la segnalazione di un lettore e la risposta della catena di supermercati

Ieri mattina ho comperato al banco gastronomia dell’Ipercoop di Crema del petto di pollo cotto …

3 Commenti

  1. Avatar

    Approfitto del tema per porvi un quesito su una questione in qualche modo simile, da affrontare se riterrete.
    In tv c’è la pubblicità del Carnidyn Plus che recita (circa):
    “avete presenti quelle mattine in cui ci si sveglia già stanchi? Io no, GRAZIE a Carnityn Plus”.
    A differenza di altre pubblicità in cui magari dicono “grazie all’aiuto di…”, qui l’affermazione è perentoria: GRAZIE A, e richiama una precisa relazione causa/beneficio.
    Si tratta ovviamente di un integratore. Ho il dubbio che il claim non sia corretto. Grazie. Buon lavoro.

  2. Avatar

    Buongiorno,

    è stato riportato che “la tolleranza (in difetto o in eccesso, a seconda dei casi) è pari a zero in ipotesi di claim nutrizionali e/o salutistici” si potrebbere sapere la fonte? Non è prevista l’incertezza di misura?

    grazie

  3. Avatar

    Chissà se un giorno inventeranno la pastasciutta senza amidi e proteine, l’olio senza grassi, il dolce senza zuccheri e grassi, naturalmente con le stesse qualità organolettiche degli originali. Si potranno mangiare questi ‘cibi’ fino ad esplodere, ma avranno zero calorie, non faranno ingrassare (anzi) e il nostro palato e cervello saranno perfettamente appagati. Nobel in vista per gli inventori.