Home / Sicurezza Alimentare / Nitriti nei salumi: la Francia punta alla riduzione, non al divieto. Cambiato il testo della proposta di legge

Nitriti nei salumi: la Francia punta alla riduzione, non al divieto. Cambiato il testo della proposta di legge

salumi saleLa Francia ha rimandato ogni decisione sull’impiego dei nitriti nei salumi, in attesa di una nuova valutazione dell’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, dell’ambiente e del lavoro (Anses), prevista entro la fine di giugno. Il testo esaminato e approvato dall’Assemblea Nazionale il 3 febbraio, infatti, è stato notevolmente edulcorato rispetto alla sua versione originale che stabiliva il bando degli additivi E249, E250, E251 e E252 dalle carni lavorate, così come richiesto dalla Lega nazionale francese contro il cancro fin dal 2019, con una petizione che ha raccolto oltre 363 mila firme.

Il calendario proposto inizialmente prevedeva che i prodotti non sottoposti a cottura e stagionati fossero realizzati senza nitriti né nitrati dal primo gennaio 2023, mentre per quelli cotti come la mortadella e il prosciutto cotto, l’entrata in vigore era stata posticipata al 2025. Nella legge approvata dall’Assemblea Nazionale, invece, è stata stabilita una serie di scadenze per fissare una “traiettoria di abbassamento” di questi additivi nei salumi ed eventuali divieti. Il provvedimento dovrà ricevere il via libera dall’Unione Europea, ma su questo non si prevedono particolari difficoltà, anche perché c’è il precedente del biossido di titanio, vietato prima in Francia e poi, di recente, diventato oggetto di una normativa simile anche a livello europeo. Inoltre c’è un altro precedente: la Danimarca ha già ricevuto l’autorizzazione per limiti molto più severi di quelli europei: 60 mg/kg contro i 150 finora ammessi in UE. Il 63% dei francesi, del resto, supera i livelli di consumo di salumi raccomandati dall’Alto consiglio superiore di sanità, pari a 150 grammi la settimana.

Lunch con jamon cocido 01
La Francia ha deciso di muoversi verso una riduzione dei nitriti nei salumi, e non di vietarli come proposto nel testo originale della legge

Com’era prevedibile, le associazioni di categoria si sono dette soddisfatte della modifica del testo della legge: su tutti Fabien Castanier, direttore della federazione dei produttori (Fict), che si era opposto alla proposta originale ricordando che, per l’Unione Europea, i nitriti e i nitrati si possono impiegare perché sicuri e, in Francia le dosi medie sono inferiori a quelle di altri paesi europei e pari a 110 mg/kg.

Del resto, i grandi produttori tra i quali Herta, marchio di Nestlé, o Fleury Michon stanno già sperimentando da tempo prodotti senza nitriti, nella speranza di giungere prima possibile a salumi che abbiano la stessa shelf life e che siano resistenti alle contaminazioni batteriche e fungine tanto quanto quelli addizionati di nitrati. Il provvedimento, che però non è stato approvato, prevedeva tre tipi di azioni volte a favorire l’abbandono di queste sostanze: il sostegno alle filiere corte, per avere carni di qualità elevata che richiedano meno additivi; il sostegno alle catene di supermercati  per promuovere la vendita di salumi senza nitriti e nitrati, e campagne educative per i consumatori, per aiutarli a interpretare correttamente l’inevitabile cambio di colore e il venir meno delle tonalità del rosa acceso cui sono abituati, a favore di colori più sbiaditi e i tempi di conservazione più limitati.

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com, depositphotos.com

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Perché il nuovo statuto sulla sicurezza alimentare è da anni fermo in Parlamento? Il contributo dell’avvocato Rizzini

Nel biennio 2018-2020, per salvaguardare la sicurezza alimentare nei comparti economici afferenti alla produzione, il …