;
Home / Controlli e Frodi / Nas sequestro di integratori venduti online con Sildenafil. Operazione congiunta con la Spagna

Nas sequestro di integratori venduti online con Sildenafil. Operazione congiunta con la Spagna

NasAncora un’altra azione dei Nas di Parma che nell’ambito di una vasta operazione di polizia rivolta alla repressione del commercio di farmaci contraffatti in Italia, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Olanda, Romania, Germania e Florida, svolta con il coordinamento di Europol, in cooperazione con la Policia Nacional spagnola e con la collaborazione del Reparto operativo del comando Carabinieri per la tutela della salute, ha eseguito 5 perquisizioni nelle province di Piacenza, Rieti, Torino, Rovigo e Milano presso note società di logistica e commercio on-line. L’esito delle operazioni è stato il rinvenimento e il sequestro di circa 10.000 capsule di falsi integratori alimentari (in realtà farmaci contraffatti), per un valore di 65 mila euro.

Nel corso delle indagini, dirette dalle procure della Repubblica di Piacenza e Milano, sono stati effettuati accertamenti analitici sui falsi integratori dal laboratorio di analisi dall’Agenzia provinciale per l’ambiente di Bolzano, che hanno evidenziato la presenza, all’interno delle capsule, del principio farmacologicamente attivo denominato “Sildenafil” (sostanza contenuta nel farmaco commercializzato con il nome “Viagra”).

Nas
I Nas e la Policia National spagnola hanno individuato e disarticolato l’intera organizzazione criminale

Le risultanze investigative dei Nas di Parma hanno permesso alla Policia National spagnola di individuare e disarticolare l’intera organizzazione criminale operante in quel paese, dedita al traffico internazionale di medicinali contraffatti ad alto rischio per la salute dei consumatori. In Spagna sono stati arrestati 8 indagati e sequestrati migliaia di confezioni di analoghi farmaci contraffatti nonché di 21 conti correnti per un valore di circa 3 milioni di euro, riconducibili alla società produttrice britannica.

Il modus operandi dell’associazione criminale, con sede operativa in Spagna e sede legale in Inghilterra, si basava sulla commercializzazione dei prodotti importati dalla Cina – sotto forma di integratori alimentari di origine naturale, benché contenenti principi farmacologici di sintesi. Tale procedura gli consentiva di aggirare le stringenti normative farmaceutiche vigenti in ogni Stato, nonché la vigilanza degli enti demandati alla verifica ed al rilascio dell’autorizzazione per l’immissione in commercio dei farmaci (AIFA, EMA, etc..). Per garantirsi una commercializzazione costante anche a fronte di possibili sequestri l’associazione criminale confezionava e distribuiva i farmaci contraffatti mediante l’utilizzo di confezioni con denominazioni differenti in ogni Stato, modificando le stesse periodicamente anche all’interno dei medesimi mercati. I siti internet attraverso i quali i falsi integratori venivano proposti per la vendita in Italia sono stati oscurati.

© Riproduzione riservata

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

laboratorio coop

Frodi e sicurezza alimentare: l’Università Bicocca mette a punto un nuovo sistema spettrofotometrico

Moderne tecniche di spettroscopia e machine learning consentono di riconoscere alimenti adulterati e garantire che …

Un commento

  1. Avatar

    Però chi li usava sarà stato molto contento di vedere la compagna… e anche la compagna, probabilmente.

    Comunque il discorso sugli integratori gira sempre attorno ai controlli, mancando una legislazione che li regolamenti chiaramente a parte le sostanze proibite di fatto ci possono mettere ciò che vogliono e reclamizzarli e venderli come gli pare.