Home / Controlli e Frodi / Nas: sequestro di olio nel leccese per un valore di 30 mila €. A Bologna bloccati 13 mila kg di cibi scaduti

Nas: sequestro di olio nel leccese per un valore di 30 mila €. A Bologna bloccati 13 mila kg di cibi scaduti

I Carabinieri del Nas di Lecceriferisce Teatro Naturale – nell’ambito di una serie di controlli finalizzati alla verifica della genuinità dei prodotti e alla repressione delle frodi alimentari, potenzialmente nocivi per la salute, hanno svolto in provincia un controllo presso un’azienda di deposito e confezionamento di olio. I militari, al termine della verifica, hanno proceduto al sequestro di 2.760 kg. di sostanza oleosa destinata all’alimentazione, in quanto priva di tracciabilità, non giustificata da documentazione che ne attestasse l’acquisto, l’origine e provenienza.Il prodotto sequestrato era conservato in silos e contenitori di varia capacità all’interno di un locale sprovvisto di registrazione e per il quale non erano state previste le apposite procedure di autocontrollo HACCP. Il valore della merce ammonta a circa 30mila euro. I militari hanno contestato sanzioni per una somma pari a 5.500 euro.

I Carabinieri del Nas di Bologna hanno effettuato una campagna di controllo e vigilanza nel settore dolciario presso pasticcerie, gelaterie, cioccolaterie, forni e industrie dolciarie dislocate nei territori delle 5 provincie di competenza. Sono state segnalate alle competenti AUSL e sanzionate amministrativamente decine di aziende ove venivano accertate gravi carenze igienico-sanitarie e mancanze nella gestione e nel riutilizzo di materie prime e di prodotti finiti già scaduti. Tra le attività di maggior rilevanza si menzionano quelle svolte presso 2 stabilimenti di produzione di dolci da forno e basi destinate alla gelateria, dislocati rispettivamente nelle province di Ferrara e Forlì-Cesena, ove i militari del NAS di Bologna sequestravano complessivamente 13mila kg di alimenti. Tra le irregolarità riscontrate: derrate detenute in promiscuità con rifiuti destinati allo smaltimento, ingenti quantitativi di dolciumi scaduti da molti mesi che sarebbero stati immessi in commercio, senza una preventiva valutazione del rischio e senza eseguire e lasciare traccia delle necessarie analisi fisico-chimiche ed organolettico-olfattive così come previsto dalla normativa. In entrambe le aziende sono state accertate gravi problematiche igienico-sanitarie, connesse alla presenza di infestanti e insetti, nonché al rinvenimento di escrementi di roditori, anche nelle più delicate zone di produzione.

© Riproduzione riservata; Foto: Nas, Depositphotos

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Nas all’opera nei negozi di Parma: falsi prodotti Dop, sporcizia, cibi scaduti, mancanza di tracciabilità

I Carabinieri del Nas di Parma hanno svolto controlli mirati a garantire la sicurezza alimentare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *