Home / Pianeta / I millennials saranno la generazione britannica più in sovrappeso. Campagna in tutto il Regno Unito per sensibilizzare sul maggior rischio di sviluppare tumori

I millennials saranno la generazione britannica più in sovrappeso. Campagna in tutto il Regno Unito per sensibilizzare sul maggior rischio di sviluppare tumori

junk food ragazze patate fritte cibo spazzaturaI millennials sono destinati a diventare la generazione britannica più grassa e il 70% di loro sarà in sovrappeso prima di raggiungere la mezza età. Lo indica una stima del Cancer Research UK, secondo cui le persone nate tra i primi anni ’80 e la metà dei ’90 sono destinate a sorpassare i baby boomer, nati tra il 1945 e il ’55, come percentuale di persone obese o in sovrappeso.

Mentre la metà della generazione nata nel dopoguerra era troppo grassa raggiunti i 35-44 anni di età, sette su dieci millennials lo saranno entro il 2026-2028, nonostante abbiano una reputazione di generazione con tendenze alimentari apparentemente sane.  “Per migliorare le  abitudini alimentari – osserva Linda Bauld, esperta di prevenzione dei tumori del Cancer Research UK – i millennials devono ridurre il consumo di cibo spazzatura e consumare più frutta, verdura e altri cibi ricchi di fibre, come i cereali integrali”.

L’organizzazione britannica sottolinea che essere sovrappeso o obesi in età adulta è correlato a 13 diversi tipi di tumore come quelli al seno, all’intestino e ai reni. Solo il 15% delle persone nel Regno Unito è a conoscenza di questo collegamento. In Gran Bretagna il sovrappeso è la principale causa prevenibile di tumore, dopo il fumo, e per sensibilizzare su questo rischio, il Cancer Reasearch UK sta per lanciare una campagna attraverso poster, radio, social e media digitali.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

6 pack ring underwater plastic ocean

Plastica, i rifiuti che inquinano di più il Mar Adriatico? Sono bottiglie, buste e imballaggi. I risultati di uno studio dell’Ispra

Come tutti i mari del mondo, anche l’Adriatico sta soffocando nella plastica monouso. La conferma …