Home / Tecnologia e Test / Microplastiche in cozze, gamberi e sale. Contaminati 70 campioni su 102 analizzati. Indagine di Altroconsumo e altre associazioni

Microplastiche in cozze, gamberi e sale. Contaminati 70 campioni su 102 analizzati. Indagine di Altroconsumo e altre associazioni

gamberiDa un’indagine condotta da Altroconsumo insieme alle associazioni di consumatori di Austria, Belgio, Danimarca e Spagna, più di due terzi dei campioni di cozze, gamberi e sale analizzati sono risultati contaminati dalle microplastiche. Le analisi di laboratorio hanno riguardato 102 campioni: 38 di sale marino, 35 di cozze e 29 di gamberi. Di questi, ben 70 contenevano microplastiche, anche di tipi differenti (film, granuli e fibre). In 39 casi si trattava di una presenza giudicata dagli esperti “significativa”.

Per quanto concerne il sale, la presenza di microplastiche in quantità significativa è stata rilevata nel 39% dei campioni, mentre tracce (cioè solo alcune specifiche particelle) sono state riscontrate nel 29%. Per le cozze la presenza è stata rilevata nel 40% dei campioni e le tracce nel 31%. Infine, nei crostacei come gamberi, mazzancolle e scampi surgelati, le microplastiche erano presenti nel 34,5% dei campioni e le tracce nel 31%.

Tra i vari prodotti analizzati, le cozze sono risultate quelle con una percentuale più alta di contaminanti. Se nel 31% dei campioni ne sono state riscontrate solo tracce, nel 40% si trattava di una presenza significativa. Ciò è dovuto al fatto che le cozze, come le vongole o le ostriche, sono organismi filtratori, particolarmente esposti alla contaminazione perché si nutrono filtrando l’acqua.

Dei 102 campioni, 30 sono stati acquistati in Italia e Altroconsumo indica anche il nome dei produttori e dei punti vendita, specificando  che l’indicazione è stta diffusa  riportata per  trasparenza “non per consigliare o sconsigliare le aziende: il problema delle microplastiche non dipende da come sono condotti gli allevamenti né dalle zone di pesca. Molluschi derivanti da una stessa zona possono o non possono essere contaminati. Solo le analisi riescono a stabilirlo”.

sea salt sale marino
Una presenza significativa di microplastiche è stata riscontrata nel 39% dei campioni di sale marino

L’indagine si è concentrata su sale da cucina, cozze e crostacei. Non sono stati scelti pesci, perché le microplastiche rimangono circoscritte al tratto intestinale, che è una parte che normalmente non si consuma.

Compagnia Italiana Sali (CIS), in un comunicato a Il Fatto Alimentare, risponde ai timori sollevati dalle analisi di Altroconsumo, spiegando che l’azienda “Dal 2006 periodicamente analizza l’indice di idrocarburi per cromatografia in fase gassosa di tutti i suoi sali marini. Questo metodo consente di verificare il tasso di composti con catene di carbonio, tra cui la plastica, che durante tutte le rilevazioni è sempre stato al di sotto del limite di 0,5 mg/kg. Inoltre, vengono analizzati regolarmente gli insolubili del sale marino. Il tasso è tipicamente intorno allo 0,03% e si tratta essenzialmente di piccoli sassi e/o frammenti di conchiglie, presenti nel mare che sono di dimensione identica o più piccoli dei cristalli di sale. Durante le analisi non sono mai state trovate particelle di plastica.”

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

pesce stock

Pesce fresco o decongelato? Allo studio un metodo per scovare le frodi. La ricerca dell’Università di Milano con Eurofishmarket ed Esselunga

Non di rado, purtroppo, capita di trovare sul mercato pesce decongelato spacciato per il prodotto …

Un commento

  1. a parte il lavoro di prevenzione sui mercati internazionali, su cui impegnarsi a fondo e subito, per ridurre e, magari, sostituire la produzione di plastiche immesse nel ciclo dei consumi, vorrei sperare che le ricerche siano finanziate e volte alla graduale eliminazione della loro presenza nei luoghi più inquinati (ma, oramai, un po’ dappertutto) della terra (intesa come pianeta).