Home / Nutrizione / Lo yogurt giusto per ripristinare il microbiota? Ha i fermenti del ceppo BB-12

Lo yogurt giusto per ripristinare il microbiota? Ha i fermenti del ceppo BB-12

microbiota, yogurt, medicinaliContrastare efficacemente gli effetti di un trattamento antibiotico sul microbiota intestinale è possibile, anche con un semplice yogurt, a patto che quest’ultimo contenga un ceppo specifico di Bifidobacterium animalis, denominato lactis BB-12. In base ai risultato di uno studio randomizzato, condotto su una sessantina di volontari dai nutrizionisti dell’Università del Maryland, e pubblicato su Nutrients, infatti, questo tipo di yogurt contrasta efficacemente la disbiosi provocata dagli antibiotici, ripristinando in pochi giorni una situazione di normalità. Nello studio, 42 persone hanno assunto per una settimana un antibiotico composto da amoxicillina e acido clavulanico e sono state invitate a consumare, contemporaneamente, uno yogurt con BB-12 al giorno per 30 giorni, mentre ad altri 20 partecipanti, anch’essi sottoposti a una settimana di trattamento antibiotico, è stato dato un altro yogurt, con ceppi non associati a questo tipo di effetto.

Per capire quali fossero state le conseguenze dei farmaci sul microbiota, i ricercatori hanno misurato la quantità di acidi grassi a catena corta in campioni di feci prelevati in diversi momenti. Il primo è stato prelevato 30 giorni prima dell’inizio di entrambi i trattamenti, poi, dopo un mese di totale sospensione di ogni tipo di probiotico. In particolare è stata quantificata la presenza dell’acido acetico, proveniente da reazioni promosse da specifiche specie batteriche intestinali e considerato cruciale per stabilire se la microflora è in equilibrio o meno. Lo studio ha anche valutato la biodiversità delle specie presenti.

Lo yogurt con fermenti di tipo BB-12 è efficace per ripristinare il microbiota intestinale, ma è importante prenderlo prima che si aggravi lo squilibrio

Il risultato è stato che, in entrambi i gruppi, l’antibiotico ha fatto diminuire la concentrazione di acido acetico rilevabile nelle feci e abbassato gli indici di biodiversità intestinale, anche se in misura minore tra chi aveva assunto lo yogurt con BB-12. Inoltre, in chi aveva assunto lo yogurt con BB-12, dopo 30 giorni i valori erano tornati entro i limiti di normalità, mentre dopo l’assunzione dello yogurt di controllo erano rimasti al di sotto di tali limiti. Secondo gli autori, ciò dimostra quanto sia efficace questo ceppo e suggerisce anche, indirettamente, che il timing sia importante. Se infatti si riesce a contrastare l’effetto dell’antibiotico precocemente, prima che gli squilibri siano troppo marcati, è più facile ripristinare la microflora originaria, mentre se l’assunzione dello yogurt è tardiva, la situazione si complica.

© Riproduzione riservata, Foto: Depositphotos, iStock

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Alimenti della dieta mediterranea su un tavolo

La Dieta mediterranea diventa “Planeterranea”. Il progetto dell’Università di Napoli

La Dieta mediterranea è stata dichiarata Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco il 16 novembre 2010 …

Un commento

  1. Mah, uno studio su Nutrients con soli 72 volontari non è che sia proprio una cosa tanto convincente