Home / Nutrizione / Messico: funziona la tassa sul junk food. Efficacia maggiore sulle categorie a rischio obesità

Messico: funziona la tassa sul junk food. Efficacia maggiore sulle categorie a rischio obesità

chips
Nel 2014 il Messico ha introdotto una tassa dell’8% sul junk food

Nel gennaio del 2014 il Messico ha introdotto una tassa sul junk food che ha interessato alimenti non essenziali con contenuto calorico pari o superiore a 275 Kcal/100 grammi come patatine, salatini, dolciumi, gelati. La tassa ha gravato per circa l’8% del prezzo. E’ passato più di un anno, e un gruppo di nutrizionisti dell’istituto Nazionale di Salute Pubblica di Città del Messico, insieme con i ricercatori dell’Università di Chapell Hill, in North Carolina, hanno portato avanti uno studio osservazionale. Il lavoro ha confrontato  i dati relativi ai consumi del 2012-2013 con quelli del 2014, suddivisi per alimenti tassati e non in base a quanto contenuto negli archivi messicani della società di rilevazione dei consumi Nielsen, relativi a oltre 6.200 consumatori.

Come riferito su PLoS One, il risultato è stato a favore della tassa, perché in media i consumi degli alimenti sottoposti al rincaro sono diminuiti di 25 grammi pro capite al mese, pari a una riduzione del 5,1% rispetto alle stime elaborate sul periodo precedente.

dolci caramelle zucchero iStock_000056026422_Small
La tassa sul junk food sembra più efficace sulle fasce di reddito a maggior rischio obesità

Analizzando poi le fasce di reddito, il provvedimento è apparso ancora più efficace, perché mentre le persone con più disponibilità di denaro non hanno modificato le proprie abitudini, quelle a reddito medio hanno comprato il 5,8% di junk food in meno. La fascia di consumatori con introiti inferiori, più soggette all’obesità a causa della facilità di accesso agli alimenti meno sani e meno costosi, ha diminuito i consumi del 10,2%. Un dato interessante è che i cibi non tassati non hanno subito variazioni rispetto al periodo di controllo e quindi  la tassa sembra avere dato buoni risultati.

Come hanno sottolineato gli autori, lo studio presenta limiti metodologici, perché è basato su consumi riferiti dagli stessi acquirenti e fotografa solo la realtà urbana, senza tenere conto degli altri alimenti acquistati e perché non ha un vero e proprio gruppo di controllo. Tuttavia, l’indicazione sembra chiara, e può essere recepita sia dai responsabili delle autorità sanitarie nazionali, che devono valutare anno dopo anno  l’efficacia della tassa e decidere se prorogare il provvedimento.

© Riproduzione riservata

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Funny overweight sportsman lying down exhausted on the gym's floor

La ministra Giulia Grillo propone contro l’obesità buoni per attività fisica. Una ricetta inefficace che però piace alle multinazionali

L’ultima proposta della ministra della Salute Giulia Grillo, per contrastare l’epidemia di obesità e sovrappeso …