Home / Nutrizione / Mense scolastiche: le famiglie che non ne possono usufruire la richiedono

Mense scolastiche: le famiglie che non ne possono usufruire la richiedono

mense scolasticheSecondo la ricerca sulle mense scolastiche, condotta da IPSOS per l’Osservatorio Cirfood District La ristorazione a Scuola: aspettative delle famiglie nel post-Covid (1), tre genitori su quattro ritengono che durante il lockdown a causa della didattica a distanza, l’alimentazione dei figli a casa sia stata sovente irregolare, sbilanciata e priva di cibi nutrienti importanti come frutta, verdure e pesce. C’è di più, molte famiglie considerano che in questo periodo quasi un bambino su tre è aumentato di peso. L’assenza del pasto a scuola ha contribuito ad accentuare la difficoltà quotidiana di organizzare il pranzo. In molti casi la cosa ha inciso sull’attività professionale dei genitori, obbligati a interrompere il lavoro per preparare il pranzo ai figli più piccoli (40%) e costringendo molti bambini a pranzare da soli (35%).

Dall’analisi emerge che il 76% dei genitori vede positivamente l’idea della riapertura delle mense scolastiche. Secondo il 90% dei parenti intervistati, il tempo trascorso in mensa con i compagni ha un alto valore aggregativo, in quanto la ristorazione viene associata a una serie di elementi positivi, oltre ad essere un momento di educazione alimentare.  Una nota interessante riguarda gli istituti dove non è presente il servizio di refezione scolastica. I parenti in genere sono favorevoli al servizio di ristorazione e ne reclamano l’importanza. L’84% di questo target ritiene la mensa essenziale in caso di tempo pieno e, anche nelle scuole dove il tempo scuola è ridotto, oltre un genitore su due sarebbe interessato a usufruirne.

(1) La ricerca è stata condotta per Cirfood Cooperativa Italiana di Ristorazione attraverso 1080 interviste rivolte a genitori di bambini tra i 6 e i 10 anni fruitori (71%) e non (29%) del servizio mensa scolastica, tramite la rilevazione di follow up con tecnica CAWI (Computer Assisted Web Interview), su panel proprietario IPSOS

© Riproduzione riservata Foto: istock.com

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Sara Rossi

giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Alimenti della dieta mediterranea su un tavolo

La Dieta mediterranea diventa “Planeterranea”. Il progetto dell’Università di Napoli

La Dieta mediterranea è stata dichiarata Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco il 16 novembre 2010 …