Home / Nutrizione / Come far mangiare meglio i cittadini? La strategia più efficace è cercare di far cambiare abitudini

Come far mangiare meglio i cittadini? La strategia più efficace è cercare di far cambiare abitudini

mangiare meglioNon tutti gli strumenti finalizzati a convincere le persone a mangiare meglio sortiscono lo stesso risultato. E tra i meno efficaci e i più utili c’è una grande differenza, quanto a risultati. Lo dimostra una singolare metanalisi condotta dai ricercatori della IÉSEG Scuola di Management di Parigi, pubblicata su Marketing Science, nella quale sono stati presi in esame ben 96 studi condotti negli ultimi anni sull’argomento in diversi paesi.

I lavori sono stati suddivisi in tre grandi categorie: quelli che puntavano sugli aspetti più razionali come, per esempio, le etichette nutrizionali; quelli incentrati sulla risposta emotiva come gli inviti a mangiare sano e naturale, e quelli che cercavano di fare leva sui cambiamenti di abitudini alimentari.

In particolare, sono state individuate sette tipologie di studi, a seconda del tipo di intervento proposto:

1.     introduzione di etichette nutrizionali con conteggio delle calorie e altre informazioni sul menu o sulla confezione;

2.     introduzione di etichette con valutazioni grafiche (per esempio i colori o i semafori) per distinguere gli alimenti sani da quelli meno sani;

3.     posizionamento dei cibi migliori in punti dove fossero ben visibili ai consumatori (soprattutto in negozi e supermercati);

4.     descrizioni tali da rendere più attraenti gli alimenti sani;

5.     appelli generici a un’alimentazione più sana, anche con richiami quali scritte ben visibili poste in risalto con diversi sistemi;

6.     strategie che facevano leva sulla convenienza economica dei cibo più sani e sulla comodità d’uso, per esempio attraverso verdure tagliate, pulite e pronte da mangiare;

7.     cambiamenti nelle proporzioni relative di alimenti più o meno sani nel pasto, con promozione dei primi a scapito dei secondi.

riso carne primo piatto
Laddove la disponibilità di alimenti sani aumenta, cresce la propensione dei clienti a preferirli agli alimenti meno consigliabili

Alla fine, controllando quasi 300 diversi possibili effetti contenuti nei diversi studi, la conclusione è stata chiara: l’intervento è tanto più efficace quanto più ci si allontana da quelli basati sulla razionalità e ci si avvicina a quelli comportamentali, mentre quelli fondati sull’emotività si collocano nel mezzo. E non si tratta di differenze di poco conto: tra i due estremi c’è una differenza di sei volte, quanto a efficacia. I risultati migliori si ottengono con azioni che puntano sulla sostituzione dei piatti malsani con altri migliori dal punto di vista nutrizionale, più nelle caffetterie e nei ristoranti che nei negozi e più negli Stati Uniti che in altri paesi.

Come hanno dimostrato studi recenti, laddove la disponibilità di alimenti sani aumenta, in parallelo cresce la propensione dei clienti a preferirli agli alimenti meno consigliabili.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Barilla e il mistero di biscotti e merendine nella doppia piramide alimentare. C’era bisogno di includerli?

L’assenza di seri programmi istituzionali per l’educazione alimentare lascia campo aperto alle aziende, con il …

4 Commenti

  1. Avatar

    Si certo come no … funzionano. Ma in che film?
    Avete idea di quanta fatica ( e soldi) ci vogliano a far cambiare un comportamento?

    • Avatar

      Sulla fatica sono d’accordo, soprattutto se si fa riferimento alla distribuzione dei pasti nel corso della giornata, ma sui soldi proprio no, anzi si risparmia prestando più attenzione alle quantità ed eliminando qualche drink e dessert di troppo.

  2. Avatar

    Abbiamo appena commentato l’articolo su nutrizione ed educazione alimentare concludendo , credo, che siamo messi maluccio, una combinazione micidiale di negazione di responsabilità da parte di tutti gli attori della tragedia tra consumatori, produttori e regolatori scientifici e politici.
    Certi trucchetti , tipo nascondere gli alimenti scadenti , gli appelli generici e le belle parole nella descrizione dei prodotti non credo possano essere utili visto il libero mercato di tutto e la libertà di espressione pubblicitaria, troppo spesso bugiarda e fuorviante.
    La leva del prezzo , agevolazioni per i buoni e disincentivi o tasse per i cattivi possono essere utili , visto che si dice che il cibo spazzatura sfama chi non ha potere di acquisto, è un discorso comunque parziale perchè certi cibi creano dipendenza e non sono esclusiva dei poveri.
    La responsabilizzazione dei consumatori ( e produttori) con le etichette a semaforo possono essere altresi utili , colpiscono immediatamente l’occhio.
    Dopodichè secondo me servirebbe una capillare educazione di consumatori e medici su principi dettati da una scienza priva di conflitti di interesse e su decisioni politiche altrettanto libere.
    Impossibile direte voi e infatti è per questo che la situazione è dura.

  3. Avatar

    Finchè il cibo sano costerà molto di più delle alternative malsane, non se ne esce. E se tassiamo il malsano, a comunque teniamo alto il sano, le cose non cambieranno, perché a parità di prezzo il malsano è in genere più appetitoso, invogliante e “pronto” da mangiare ( mentre spesso il sano va cucinato, e non sempre se ne ha tempo/capacità/voglia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *