Home / Benessere animale / Macellazione senza stordimento preventivo, l’Europa dice no. Serve un compromesso con i religiosi

Macellazione senza stordimento preventivo, l’Europa dice no. Serve un compromesso con i religiosi

L’ordinamento giuridico europeo sulle regole del benessere animale al macello è disciplinato dal Regolamento (CE) 1099/2009. Il testo manifesta la volontà del legislatore di cercare una soluzione in grado di limitare il più possibile la sofferenza agli animali quando vengono macellati, considerando che un trattamento meno cruento contribuisce al miglioramento della qualità della carne e ad aumentare la sicurezza degli addetti ai lavori. Bisogna tra l’altro considerare, che la tradizione giuridica europea ha ampliato la tutela del benessere degli animali, attraverso il Trattato di Lisbona del 2007, riconoscendoli come ‘esseri senzienti’, cioè capaci di provare dolore, paura, stress e altre condizioni negative. Per quanto riguarda la macellazione il già citato regolamento europeo n. 1099/2009, prevede l’obbligo di stordimento prima dell’abbattimento, quale passaggio necessario per assicurare che l’animale sia incosciente e quindi insensibile al dolore nel momento di massima sofferenza. Per tutelare la libertà di religione il regolamento ammette tuttavia la possibilità di procedere a macellazioni senza il ricorso allo stordimento, come avviene per le macellazioni che seguono i dettami religiosi del culto ebraico ed islamico. Tuttavia, il regolamento prevede che gli Stati membri possano introdurre disposizioni intese a garantire una maggiore protezione degli animali anche in caso di macellazione rituale (art. 26, comma 2, lettera c).

La norma dispone l’abbattimento obbligatorio previo stordimento tranne per alcune comunità religiose che invocano le regole tradizionali. Secondo queste regole la macellazione è ammessa solo quando l’animale è sano. Per questo si oppongono alla macellazione fatta con le comuni pratiche di stordimento utilizzando una pistola a proiettile captivo che colpisce in testa. Il proiettile infatti  danneggia irrimediabilmente lo stato di salute dell’animale che muore sul colpo prima di essere macellato. In questo modo l’animale viene considerato morto e quindi secondo le religioni islamica ed ebraica non può essere macellato. Un’alternativa adottata in alcuni paesi prevede uno stordimento reversibile. Per il momento si tratta di una soluzione adottata esclusivamente in Belgio, nelle due regioni di Fiandre e Vallonia (la terza regione, quella di Bruxelles, non ha ancora emanato norme al riguardo). Lo stordimento reversibile è una scarica elettrica che stordisce l’animale pochi istanti prima della macellazione. Secondo la Corte di giustizia Europea il sistema permette di salvaguardare entrambi gli interessi in gioco. L’animale non muore in seguito alla scarica elettrica ma rimane solo stordito, quindi si può procede con la macellazione. In questo modo l’animale stordito non soffre durante le fasi successive che sono il taglio della gola e il successivo dissanguamento (come prevede il rituale religioso). Seguendo questa regola l’animale arriva al macello sano, viene stordito (ma non muore) e può essere macellato senza infrangere la regola religiosa che prescrive la macellazione solo di animali sani e vivi. 

maiale macello carne
Secondo La Corte di giustizia Europea il sistema dello stordimento preventivo permette di salvaguardare entrambi gli interessi in gioco.

Diversi Paesi europei non ammettono la macellazione senza stordimento preventivo: nell’UE sono la Danimarca, la Svezia, la Slovenia e da ultimo la Grecia. Fuori dall’UE si aggiungono la Confederazione Svizzera, la Norvegia, l’Islanda e il Liechtenstein. In altri Paesi, la legislazione rende obbligatorio provvedere allo stordimento immediatamente dopo la iugulazione (Austria, Estonia, Lituania e Slovacchia) o contestualmente (Finlandia). Un compromesso accettabile è quella adottata in due delle tre regioni del Belgio (Fiandre e Vallonia), dove nel 2017 è stato approvato l’obbligo di stordimento ‘reversibile’ mediante scarica, entrato poi in vigore nel 2019. È stato infatti reso obbligatorio l’utilizzo dello stordimento elettrico, che a differenza dello stordimento con proiettile captivo non provoca la morte dell’animale. Nel dicembre 2020 la Corte di Giustizia dell’Unione Europea aveva dichiarato compatibile con il diritto comunitario lo stordimento ‘reversibile’ attuato nelle Fiandre, ritenendo che il legislatore avesse adottato una soluzione adeguata rispetto all’esigenza di salvaguardare anche la libertà di religione.

Secondo i dati resi pubblici dal ministero della Salute, in Italia sono 168 le strutture autorizzate per la macellazione rituale di ungulati secondo il rito islamico e 18 secondo quello ebraico, 32 stabilimenti dediti alla macellazione di pollame e conigli secondo il rito islamico e quattro secondo il rito ebraico. A questo si aggiungono, 56 strutture specificamente autorizzate alla macellazione durante la Festa del sacrificio. Nei mesi scorsi Ali (Animal Law Italia) ha chiesto al ministero della Salute di fornire i numeri del fenomeno, che sembrerebbe in crescita a causa dell’aumento dell’export di carni certificate halal verso Paesi terzi. La struttura ministeriale ha risposto di non essere in possesso dei dati e che avrebbe provveduto a richiederli alle Regioni. ALI ritiene che i tempi siano maturi per trovare una soluzione che consenta un efficace contemperamento tra le esigenze in tema di tutela animale e il carattere multiculturale della società.

carne macello bovina bue
In Italia ci  sono 168 strutture autorizzate per la macellazione rituale di ungulati secondo il rito islamico e 18 secondo quello ebraico

Giuristi, docenti universitari e veterinari italiani chiedono a Governo e Parlamento di ripensare questa pratica per cercare un punto di equilibrio tra l’esigenza imprescindibile di tutelare il benessere animale e quella altrettanto importante di garantire la libertà religiosa. Lo chiede Animal Law Italia ETS (ALI), che ha realizzato una ricerca multidisciplinare per far conoscere il problema supportando la richiesta con  una petizione popolare rivolta al Parlamento, che è possibile firmare sul sito www.macellazionerituale.it.I tempi sono ormai maturi perché anche  il legislatore italiano renda obbligatorio il ricorso allo stordimento preventivo reversibile nella macellazione rituale, come efficace compromesso tra la tutela necessaria della libertà di religione e una migliore considerazione dell’interesse dei consumatori e del benessere animale. Nessuno vieta comunque alle persone che non ritengono il sistema dello stordimento reversibile in sintonia con gli obblighi religiosi, di importare da altri Paesi carne macellata seguendo le regole classiche ovvero senza stordimento preventivo.

ALI confida che possa instaurarsi un dialogo nella società, in modo da coinvolgere le comunità religiose, per individuare in tempi rapidi una soluzione condivisa in grado di salvaguardare il benessere degli animali anche il rito religioso. “La nostra ricerca non ha lo scopo di vietare la macellazione rituale, semplicemente vogliamo un ripensamento del mancato stordimento in queste macellazioni. – chiarisce Daria Vitale, che ha coordinato il gruppo di ricerca – Non possiamo ignorare che sempre più Paesi nel mondo stanno introducendo per legge soluzioni tecniche più favorevoli al benessere animale nelle macellazioni rituali”. “Si impone una revisione dell’attuale quadro normativo italiano in materia, anche alla luce della crescente considerazione della società verso un migliore trattamento degli animali ad uso alimentare. – commenta Alessandro Ricciuti, presidente di Animal Law Italia ETS – La recente modifica della Costituzione, con l’inserimento del richiamo alle leggi di protezione degli animali tra i principi fondamentali, apre la strada ad un’ampia riconsiderazione dell’attuale legislazione”.

La proposta dello stordimento preventivo ha ricevuto il plauso dìdella Federazione Nazionale degli Ordini Veterinari Italiani

La proposta ha ottenuto il plauso della Federazione nazionale degli ordini veterinari italiani (FNOVI), organo apicale della professione veterinaria, che dice: “FNOVI, insieme ai 34mila medici veterinari iscritti agli Ordini professionali, da sempre impegnata con azioni concrete nella promozione del rispetto degli animali, si augura che la vostra iniziativa possa rappresentare un punto di svolta anche con l’apertura di un dialogo con le comunità religiose che porti alla condivisione di intenti e volontà. Ci deve guidare un unico obiettivo: la responsabilità che abbiamo di contribuire a migliorare le condizioni di vita degli animali consentendo loro una vita degna di essere vissuta e una buona morte”.Per firmare la petizione clicca qui www.macellazionerituale.it. Nel sito è possibile consultare il dossier di ricerca, il documento di posizionamento e la lettera aperta degli accademici e veterinari.

© Riproduzione riservata; Foto: AdobeStock, iStock

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Formaggi per vegetariani, non è solo questione di caglio, conta anche il benessere animale

Il latte e i suoi derivati possono essere compresi nella dieta dei vegetariani. La questione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *