Home / Etichette & Prodotti / L’Italia in guerra contro le etichette a semaforo: attaccate le linee guida dell’Oms. La risposta degli esperti di salute alle critiche

L’Italia in guerra contro le etichette a semaforo: attaccate le linee guida dell’Oms. La risposta degli esperti di salute alle critiche

nutri-scoreProsegue la guerra italiana al Nutri-Score e a tutte le etichette a semaforo. Pochi giorni fa, il nostro Paese ha criticato pesantemente un documento redatto dell’Organizzazione mondiale della sanità, “Principi guida e manuale quadro per l’etichettatura fronte-pacco per la promozione di diete sane”. Il dossier è al centro della discussione del Comitato sulle etichette alimentari del Codex (programma congiunto di Fao e Oms che stabilisce gli standard alimentari), iniziato a Ottawa il 13 maggio. Le linee guida hanno come obiettivo quello di aiutare i Paesi interessati a introdurre loghi nutrizionali o altre forme di etichettatura interpretativa sui prodotti alimentari, fornendo principi base da seguire. Anche se il documento non contiene nessuna misura prescrittiva, dall’Italia è partita una campagna contro questa posizione.

In una lettera firmata da Gian Lorenzo Cornedo, rappresentante permanente del nostro Paese all’Oms, l’Italia critica i profili nutrizionali, necessari per il funzionamento dell’etichettatura interpretativa, perché “non vi è assolutamente nulla di scientifico” in essi, e le etichette a semaforo, che nei Paesi in cui sono state introdotte non avrebbero dato “il benché minimo miglioramento in termini di salute pubblica o di incidenza dell’obesità”. E non manca il consueto allarme per il made in Italy: “l’acquisto di diversi prodotti italiani di alta qualità conosciuti in tutto il mondo – come l’olio extra-vergine d’oliva – viene scoraggiato dall’adozione di fuorvianti indicatori grafici di colore rosso o nero”, come avrebbe dimostrato uno studio di Nomisma effettuato nel 2015 nel Regno Unito dopo l’introduzione delle etichette a semaforo, ricorda l’ambasciatore Cornedo.

L’Italia cerca di minare un rapporto dell’Oms sull’etichettatura fronte-pacco per ovvie ragioni: i prodotti italiani non ne escono bene”. È la risposta agli attacchi italiani di Serge Hercberg, a capo del gruppo che ha sviluppato il Nutri-Score in Francia, e di alcuni ricercatori ed esperti di salute pubblica impegnati nel campo dell’etichettatura interpretativa, che hanno pubblicato un breve articolo, riassumendo tutto quello su cui l’Italia sbaglia – forse volutamente – quando parla di etichette a semaforo.

Per prima cosa, al contrario di quanto scrive l’ambasciatore italiano, esiste una mole significativa di dati scientifici alla base dei profili nutrizionali e sul loro uso all’interno di politiche di salute pubblica (come le etichette a semaforo), e di come questi strumenti possono assicurare sia la qualità nutrizionale del singolo alimento, che dell’intera dieta. I profili nutrizionali si basano su decenni di studi sull’associazione tra cibi, nutrienti e salute, e su diete, scelte alimentari e salute. C’è di più, le ricerche più recenti realizzate a supporto del Nutri-Score in Francia correlano l’uso dei profili nutrizionali con gli effetti sulla salute.

nutri-score olio extravergineIn secondo luogo, quando le nostre istituzioni e Coldiretti parlano della “qualità” dei prodotti italiani penalizzati dalle etichette a semaforo, come l’olio di oliva, il prosciutto di Parma o il Parmigiano Reggiano, non si riferiscono al contenuto nutrizionale, ma ad altri aspetti, come la qualità eccellente degli ingredienti, le ottime caratteristiche organolettiche e la lunga tradizione, che non sono presi in considerazione dalle etichette a semaforo e dai profili nutrizionali. Questi strumenti, infatti, valutano solo le caratteristiche nutrizionali di questi cibi, perché questo è l’aspetto principale che interessa nell’elaborazione di politiche sanitarie.

E quando si vanno a vedere le caratteristiche nutrizionali dei capisaldi del made in Italy, molti prodotti non se la passano bene. Come il prosciutto di Parma e il Parmigiano Reggiano, che sono ricchi di grassi saturi, sodio e calorie, e quindi dovrebbero essere consumati con moderazione all’interno di una dieta sana. Lo stesso però vale per prodotti tradizionali di altri Paesi che hanno scelto di adottare un’etichetta a semaforo, come la Francia, che ha elaborato il Nutri-Score, e Belgio e Spagna che hanno scelto di adottarlo.

L’Italia, invece, sembra non voler far conoscere ai consumatori le caratteristiche nutrizionali dei cibi tradizionali con troppo sale o grassi saturi. Informare correttamente, infatti, non significa bandirli dalla dieta o dalla cultura alimentare di un Paese. Con le etichette a semaforo si aiutano le persone a riconsiderare con quale frequenza consumano prodotti di eccellenza come la mozzarella di bufala campana e con quanto olio extravergine condiscono l’insalata. I consumatori spesso non conoscono le linee guida per una sana alimentazione, o non sono in grado di applicare queste informazioni nelle scelte alimentari quotidiane e di interpretare correttamente le dichiarazioni nutrizionali dei prodotti. Ed è proprio qui che scendono in campo le etichette a semaforo.


Il Fatto Alimentare ha realizzato un dossier di 19 pagine in cui si spiega come funzionano il Nutri-Score e altri modelli di etichettatura a semaforo, e perché nutrizionisti e società scientifiche che si occupano di alimentazione non possono che essere favorevoli all’adozione di un sistema anche in Italia. I lettori interessati a ricevere l’ebook possono scrivere una e-mail in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

È guerra alle Fake Meat. Ma vietare la parola “carne” sulle etichette delle alternative vegetali e coltivate aiuterà i consumatori?

I produttori di carne americani, dopo quelli francesi, dichiarano una guerra semantica alla finta carne …

Un commento

  1. Avatar

    La Francia patria del burro, formaggi, vini, patè di fegato, non si lamenta del Nutriscore e dei suoi prodotti tipici penalizzati…

    Coldiretti invece alza le barricate in maniera del tutto incomprensibile per il parmigiano, l’olio, il prosciutto e la mozzarella.