Home / Allerta / Listeria in formaggio di capra francese e glutine in pasta biologica di grano saraceno dalla Thailandia… Ritirati dal mercato europeo 132 prodotti

Listeria in formaggio di capra francese e glutine in pasta biologica di grano saraceno dalla Thailandia… Ritirati dal mercato europeo 132 prodotti

Nelle settimane51 e 52 del 2017 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 132 (17 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende otto casi: mercurio in sashimi di lombi di pesce spada scongelati dalla Spagna; Listeria monocytogenes in formaggio di capra dalla Francia; istamina in salsa di acciughe dall’Italia; mercurio in lombi di pesce spada scongelati dalla Spagna; norovirus in frutti rossi congelati e biologici dalla Germania; mercurio in squalo mako congelato (Isurus oxyrinchus) dalla Spagna; glutine non dichiarato in pasta biologica di grano saraceno con amaranto “King Soba” in confezione da 250 g (termine minimo di conservazione: 31.08.2018; lotto 18816BR) dalla Thailandia; olio minerale in pasta dal Kazakistan.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: frammenti di plastica in brioches integrali e biologiche dall’Italia; mercurio in pesce spada scongelato (Xiphias gladius) dalla Spagna; allergeni non dichiarati (lattosio e sedano) in spiedini di calamari e gamberetti surgelati impanati dall’Albania; epidemia di origine alimentare causata da norovirus in ostriche vive (Crassostrea gigas) dalla Francia; mercurio in verdesca a fette (Prionace glauca) dal Vietnam; mercurio in fette di pesce spada congelato, dalla Spagna; Salmonella in cozze vive (Mytilus galloprovincialis) dalla Spagna, confezionate in Italia.

Irradiazione non segnalata in etichettata per zampe di rana congelate dal Vietnam; colorante non autorizzato (Sudan 4) in olio di palma rosso dal Ghana; colorante non autorizzato (Sudan 4) in olio di palma dal Ghana; Salmonella enterica (ser. Lexington) in soia essiccata destinata a mangime, dal Brasile; Salmonella enterica (ser. Senftenberg) in proteine animali trasformate destinate a mangime, dalla Spagna; conteggio troppo elevato di Enterobacteriaceae in farina di pollame destinata a mangime, dalla Spagna.

Listeria
Listeria monocytogenes in formaggio di capra dalla Francia

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala aflatossine (B1) in peperoncino dall’India; Salmonella in funghi in salamoia dal Vietnam; presenza di tossina di Shiga, prodotta dal gruppo Escherichia coli, in carne di manzo congelata e disossata, dal Brasile; aflatossine (B1) in arachidi in guscio dall’Egitto; importazione illegale di snack di pesce dalla Cina.

In queste due settimane tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, la Germania segnala Salmonella enterica (ser. Agona) in farina di soia destinata a mangime dall’Italia, via Austria; l’Austria segnala Salmonella enterica (ser. Livingstone) in preparato di girasole biologico destinato a mangime.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Salgono a nove i casi di epatite, il ministero della Salute segnala altri cinque prodotti a base di curcuma. Indagini ancora in corso

Aggiornamento del 22 maggio 2019: l’articolo in origine riportava numeri di lotto differenti per il prodotto …