Home / Nutrizione / Le nuove linee guida americane sull’alimentazione: ignorate le raccomandazioni degli esperti su zucchero e alcol

Le nuove linee guida americane sull’alimentazione: ignorate le raccomandazioni degli esperti su zucchero e alcol

Fino alle ultime settimane di vita, l’amministrazione Trump si fa notare per il disprezzo della scienza, evidente soprattutto quando entra in rotta di collisione con gli interessi dei gruppi industriali che lo hanno sostenuto. E poco importa se questo atteggiamento lo pagano i cittadini, la cui salute è sempre più a rischio. Così la pensano molti esperti, tra i quali la famosa nutrizionista della New York University Marion Nestle, che si è detta esterrefatta dalle decisioni prese, a proposito delle nuove Linee guida sull’alimentazione, che ignorano totalmente i consigli del comitato di 20 esperti chiamati a vagliare i dati scientifici disponibili e a suggerire modifiche.

Le linee guida per l’alimentazione del governo americano vengono riviste ogni cinque anni e, teoricamente, le correzioni arrivano dalle evidenze scientifiche maturate nel frattempo; in questo caso, i consulenti avevano stilato un rapporto nel quale si chiedevano in particolare due provvedimenti, ovvero la riduzione dell’assunzione di zucchero al 6% delle calorie giornaliere, contro l’attuale 10%, e il taglio della quantità massima di alcol raccomandata agli uomini da due a un bicchiere al giorno, come è già per le donne.

bevande zuccherate bibite zucchero sugar tax soda tax
Gli esperti chiedevano che le nuove linee guida alimentari americane raccomandassero di limitare ulteriormente gli zuccheri aggiunti al 6% delle calorie quotidiane

Nessuna delle due raccomandazioni è stata recepita, con la motivazione ufficiale che non sarebbero sostenute da prove sufficientemente convincenti. E questo nonostante, secondo i Centers for Disease Control di Atlanta, sette cittadini su dieci siano in sovrappeso e ben il 42% obeso, nonostante lo zucchero aggiunto, soprattutto nelle bibite gassate, nei caffè e nei tè che gli americani bevono in enorme quantità, rappresenti in media il 13% delle calorie totali, e nonostante l’alcol sia stato associato da innumerevoli studi a un aumento del rischio di morte in particolare per tumori del fegato, dello stomaco, dell’esofago, e abbia anche altre conseguenze negative sula salute dimostrate da anni al di là di ogni dubbio.

È interessante notare come la motivazione ricalchi fedelmente quelle avanzate negli anni precedenti su indicazione diretta delle aziende e delle associazioni di produttori, come emerso in varie inchieste e studi che hanno rivelato le pesanti azioni di lobbying dell’industria, nonché le politiche “suggerite” a esperti e decisori per sviare l’attenzione e cercare di evitare divieti e restrizioni. Tra gli argomenti, infatti, è sempre stato consigliato di sostenere che le prove scientifiche erano insufficienti, anche quando era palesemente falso.

birra bere uomo alcolici
Nelle linee guida la quantità massima di alcol raccomandata agli uomini è rimasta a due bicchieri al giorno, uno per le donne

Non stupisce, quindi, che la più potente di esse, l’American Beverage Association, al centro di molti scandali degli ultimi anni su materie di questo tipo, secondo il Wall Street Journal si sia subito detta entusiasta delle decisioni prese, basate “sul buon senso”, e che un plauso sia arrivato dai produttori di carne. Lo stesso, poi, hanno fatto i produttori di alcolici e, in primo luogo, di birra, che hanno affermato – attraverso il Beer Institute – che i limiti attuali sono già quelli di un consumo moderato. 

Al contrario, numerose associazioni scientifiche e molti esperti di università e centri di ricerca hanno subito manifestato disapprovazione e timore, anche perché gli americani, a causa del lockdown, sono ulteriormente ingrassati e hanno mangiato peggio. Ora – sottolinea il New York Times in un articolo molto critico – non si faranno passi in avanti ma solo indietro, anche perché le linee guida influenzano profondamente ciò che mangiano i ragazzi a scuola, o gli impiegati pubblici nelle mense. Tra l’altro, com’era ovvio attendersi da un negazionista quale Trump, il nuovo documento non accenna neppure minimamente alle conseguenze dell’alimentazione sul cambiamento climatico e alla necessità di modificare le proprie abitudini alimentari tenendo presente anche questi aspetti.

Le linee guida contengono comunque una novità: i consigli per i neonati, così come per le donne in gravidanza e allattamento (pratica consigliata per la prima volta). Prima dei due anni di età, i bambini non dovrebbero assumere nulla in cui sia stato aggiunto zucchero, mentre gli alimenti che possono scatenare allergie dovrebbero essere introdotti gradualmente, a piccole dosi, a partire dall’anno di età. Le donne in gravidanza dovrebbero mangiare molto pesce che contenga poco metilmercurio (che influisce negativamente sullo sviluppo del bambino). Per gli adulti, i consigli sono generici e ricalcano i precedenti: bisogna dare spazio a frutta e verdura, cereali (meglio se integrali), carni bianche e pesce, latticini a basso contenuto di grassi.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Allerta Escherichia coli larve insetti 477039487

Insetti nel piatto: l’Efsa autorizza l’impiego delle larve della farina gialla negli snack e come ingrediente

L’Efsa ha dato una valutazione positiva all’introduzione di un prodotto alimentare derivato da insetti. Si …

4 Commenti

  1. Avatar

    Certo che Trump non ne ha fatta una di giusta. Speriamo che ci pensi il nuovo inquilino della Casa Bianca a inserire zuccheri e alcool tra le sostanze da ‘attenzionare’ adeguatamente per una sana alimentazione. Battuta a parte, ogni sostanza che appartenga sia alla categoria dei macro che dei micronutrienti necessita di una conoscenza specifica dal punto di vista biochimico e fisiologico, senza tralasciare l’origine, le modalità di produzione, conservazione, trattamento, lavorazione e la contestualizzazione perchè noi mangiamo cibi e non singoli nutrienti.

  2. Avatar

    Sará, ma quando vedo in etichetta che un ovetto Kinder ha esattamente 52.1 grammi per 100 grammi di zucchero ( neanche il MIELE!) capisco che abbiamo fatto ZERO passi avanti con lo zucchero.

  3. Avatar
    Roberto Stanzani

    Le linee guida americane sono da sempre migliori delle nostre, soprattutto per quanto riguarda l’attività fisica consigliata. Gli americani non sono di certo obesi a causa del fatto che gli si consiglia di assumere il 10% delle calorie da zuccheri invece che il 6%. Ne consumassero il 10% sarebbero tutti molto più sani.
    Gli obesi assumono troppe calorie: se il mio fabbisogno giornaliero è 2000 kcal, è molto meglio una dieta da 2000 kcal col 20% di zucchero, piuttosto che una dieta da 2500 kcal (che mi fa ingrassare) con il 6% di zucchero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *