Home / Allerta / Lidl ritira cracker Craks Crusti Croc da tutti i punti vendita italiani per un allergene non dichiarato in etichetta

Lidl ritira cracker Craks Crusti Croc da tutti i punti vendita italiani per un allergene non dichiarato in etichetta

crusti croc craks
Il prodotto della Lidl ritirato da tutti i punti vendita italiani

Il sistema di allerta rapido della Regione Valle d’Aosta il primo dicembre ha ritirato dal commercio tutti i lotti di cracker salati Craks Crusti Croc, una delle marche commerciali della catena di supermercati Lidl (vedi dettagli nella tabella sotto).

 

Il motivo del richiamo riguarda la presenza di siero di latte in polvere, un ingrediente allergenico, non dichiarato in etichetta. I cracker, prodotti in Germania, sono stati ritirati da tutti i supermercati Lidl in Italia, ma l’unico punto vendita segnalato in rete è quello di Saint-Christophe in Valle d’Aosta, grazie all’efficace sistema di allerta online della Regione autonoma. L’avviso è stato riportato anche a livello internazionale attraverso il Sistema rapido di allerta europeo per alimenti (Rasff) nella settimana 48, con una segnalazione da parte del Ministero della salute italiano.

 

Consigliamo i clienti allergici o intolleranti a questo ingrediente di non consumare il prodotto e di riportarlo nel punto vendita in cui è stato acquistato per ottenere il rimborso.

Aggiornamento del 9/12/2014: dopo alcuni giorni anche sul sito della Lidl compare l’avviso di ritiro del prodotto (vedi qui).

 

tab crusti croc craks lidl

 Valeria Nardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

at the doctors office

Principio attivo del Viagra in integratore alimentare e pasta infestata da insetti… Ritirati dal mercato europeo 61 prodotti

Nella settimana n°42 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …