Home / Etichette & Prodotti / Kellogg’s lancia gli Special K “Nutri-mi”: due nuovi gusti di cereali per la prima colazione

Kellogg’s lancia gli Special K “Nutri-mi”: due nuovi gusti di cereali per la prima colazione

nutri mi kelloggs special k confezioni 2
L’immagine e dalla grafica Special K Nutri-Mi appare meno “femminile”

Sono arrivati sugli scaffali dei supermercati  due nuovi prodotti Nutri-Mi della linea Special K di Kellogg’s , che amplia l’assortimento arrivando a proporre così otto tipi di cereali per la prima colazione (a cui bisogna aggiungere sette confezioni di snack o biscotti). La suddivisione fatta da Kellogg’s distingue tre categorie, i Cereali Special K (Classic, Cioccolato fondente, Albicocche e Pesche, Frutti rossi, Yogurt), il Crunchy Muesli Mela Uvetta e i Nutri-mi con le due nuove referenze che rappresentano un segmento a parte.

La novità è costituita dall’aver messo insieme fiocchi multicereali, agglomerati con semi di lino e girasole e fiocchi di frumento integrale insieme ai frutti di bosco oppure con  frutta secca. Il contenuto non sembra essere molto diverso dagli altri Special K: hanno più cereali (4 per l’esattezza: avena, frumento integrale, riso e orzo) e i semi di lino e di girasole.

Dall’immagine e dalla grafica Special K Nutri-Mi appare meno “femminile”, le indicazioni puntano più sulla nutrizione che sulla forma fisica e la porzione di prodotto consigliata  (40 g) è maggiore rispetto a quella di Special K Frutti Rossi (30 g) .

cereali colazione iStock_000016813330_Small 2
Rispetto agli altri Special K hanno più cereali e i semi di lino e di girasole

Per quanto riguarda gli ingredienti  l’elenco di Nutri-mi,  è molto lungo, oltre ai cereali, che complessivamente rappresentano il 69,5%, ci sono crusca di frumento (7%) e farine (5%), semi di girasole e di lino, frutta liofilizzata (5%). Nella lista troviamo ovviamente zucchero e sciroppo di glucosio oltre a vari elementi come l’olio di girasole, il  sale, l’emulsionante, l’amido modificato, gli aromi, il bicarbonato di sodio (idrogenocarbonato di sodio) e di ammonio, nonché numerose vitamine e i minerali.

Dal punto di vista nutrizionale, le differenze più significative rispetto a Special K Frutti Rossi sono relative alla percentuale di fibre (9,6% in Nutri-mi, 5,3% in Special K Frutti Rossi) e di proteine (10% in Nutri-mi, 8,9% in Special k Frutti Rossi). L’arricchimento in vitamine è importante per entrambi i prodotti ma nel caso delle versioni “classiche” è uno degli elementi fondamentali nel posizionamento del prodotto. Il nuovo nato punta più sulla presenza di 4 cereali e sulla ricchezza in fibre e sembra destinato a valorizzare  l’area salutista che in quella edonista.

Il lancio di questo nuovo cereale per la prima colazione serve ad aumentare la visibilità e lo spazio sugli scaffali di Kellogg’s, marca leader del settore, che negli ultimi anni, con la crescita del mercato e l’introduzione di molte referenze con il marchio delle catene di supermercati, ha subito una forte concorrenza.

Per quanto riguarda il prezzo una confezione da 320g costa 3,49 euro, pari a 10,91 euro al kg. Rispetto ad altri Special K, presenti sullo stesso scaffale, il prezzo è superiore del 22%; Special K Albicocche e Pesche e Special K Cioccolato fondente hanno infatti un prezzo al kg 8,97 euro. Ancora più ampia la differenza di prezzo nei confronti dei cereali a marca commerciale: ad esempio la confezione da 300 g di Carrefour Stylesse Cioccolato Fondente costa 1,99 euro, pari a 6,63 euro al kg; Special K Nutri-Mi è più caro del 64% rispetto a questo prodotto Carrefour.

Nessun altro prodotto è uguale per composizione tuttavia il confronto con altri cereali integrali e arricchiti evidenzia un posizionamento di prezzo decisamente alto.

special k nutri mi frutti di bosco tab ingredienti

kelloggs special k tab confronto nutri mi

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Valeria Torazza

Valeria Torazza
analisi di mercato

Guarda qui

pomodoro passata salsa

Pelati e sughi: in vigore l’obbligo dell’origine del pomodoro, ma non è proprio vero. L’opinione dell’avvocato Dario Dongo

Dal 27 agosto 2018 è entrato formalmente in applicazione il decreto che obbliga a indicare …

2 Commenti

  1. Bicarbonato di sodio, non sapevo che poteva avere un altro nome.

    • Si può chiamare anche carbonato acido di sodio.
      Sono cereali zeppi dell’onnipresente zucchero e sciroppo di glucosio. Non basta un po’ di crusca aggiunta a rendere un alimento sano se prima non si sopprimono gli zuccheri aggiunti. Da lasciare sullo scaffale.