;
Home / Benessere animale / In Italia oltre 62 milioni di animali d’affezione. Il cibo per cani e gatti vale 2.431 milioni di € con un incremento dell’8%

In Italia oltre 62 milioni di animali d’affezione. Il cibo per cani e gatti vale 2.431 milioni di € con un incremento dell’8%

animali affezioneIn un periodo caratterizzato dal protrarsi della pandemia Covid-19, l’attenzione per gli animali d’affezione è aumentata significativamente ed è sempre più diffusa la consapevolezza dei benefici fisici e psicologici che portano in famiglia. “Nell’anno dell’emergenza sanitaria – ha commentato Gianmarco Ferrari, presidente di Assalco (Associazione nazionale imprese per l’alimentazione e la cura degli animali da compagnia) – la relazione con gli animali domestici ha acquisito maggior valore. Questi animali danno tanto ai loro proprietari che, a loro volta, sono particolarmente attenti all’alimentazione e alla salute. In tempo di pandemia abbiamo inoltre assistito a un incremento delle adozioni, legate al desiderio di alleviare la solitudine e favorire il benessere delle persone più vulnerabili, come i bambini, gli adolescenti e gli anziani”.

Gli animali d’affezione sono parte integrante delle famiglie in cui vivono, e questo si riflette anche nell’andamento positivo del mercato del pet food e pet careIl maggior valore della relazione ha sostenuto l’aumento della popolazione tanto che adesso nelle case degli italiani secondo Euromonitor si stima la presenza di oltre 62 milioni di animali d’affezione [1], di cui quasi 30 milioni di pesci, più di 16 milioni di cani e gatti, circa 13 milioni di uccelli e oltre 3 milioni e mezzo tra piccoli mammiferi e rettili.

alimenti cani gatti mangime croccantini
In Italia ci sono oltre 62 milioni di animali d’affezione, di cui quasi 30 milioni di pesci, più di 16 milioni di cani e gatti, circa 13 milioni di uccelli e oltre 3 milioni e mezzo tra piccoli mammiferi e rettili.

Basta pensare che il mercato dei prodotti per l’alimentazione dei cani e gatti in Italia  ha sviluppato un giro d’affari di 2.431 milioni di euro con un incremento del fatturato del +8%. L’alimentazione di gatti e cani continua a essere la componente più rilevante del mercato italiano del pet food. L’emergenza sanitaria ha fatto osservare una forte accelerazione dell’e-commerce, analogamente a quanto accaduto negli altri segmenti del largo consumo. I dati raccolti da IRI sulle vendite online di alimenti per cani e gatti da parte di operatori generalisti (gruppi della GDO e Amazon) mostrano un fatturato pari a 49 milioni di euro. Benché rappresenti al momento solo il 2% del fatturato totale del pet food, questo canale è cresciuto del 104% rispetto allo scorso anno e sembra destinato ad acquisire maggior peso in futuro.

L’aumento della popolazione degli animali d’affezione e il maggior tempo trascorso  durante la pandemia ha sostenuto la crescita dei prodotti per l’igiene, i giochi e gli accessori. Le rilevazioni IRI presso la Grande distribuzione organizzata hanno confermato un giro d’affari di 75 milioni di euro nell’anno terminante a giugno 2021, in crescita del 4,1%rispetto al periodo precedente. In questa categoria i segmenti più dinamici sono stati i prodotti per l’igiene (tappetini assorbenti igienici, salviette, shampoo, spazzole, deodoranti, ecc.), in crescita del 7,1%, e i giochi, con un incremento in valore del 14,6%. Le lettiere per gatto, rilevate separatamente, hanno sviluppato nello stesso canale un fatturato di oltre 78 milioni di euro, in aumento del 4,6% a valore.

alimenti cani gatti mangime croccantini
L’aumento della popolazione degli animali d’affezione  durante la pandemia ha sostenuto la crescita dei prodotti per l’igiene, i giochi e gli accessori.

I dati elaborati da IRI Information Resources sono estrapolati dalla XIV° edizione del Rapporto annualeAssalco – Zoomark e saranno presentati in occasione del Convegno inaugurale di Zoomark International organizzato da BolognaFiere dal 10 al 12 novembre 2021.

[1] Fonte: Passport – Euromonitor International, maggio 2020 (stime ricalcolate rispetto al passato)

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Polli allevamento

Polli di allevamento: Fileni propone un nuovo modello di benessere animale uniformandosi alle regole Ecc

Il gruppo Fileni ha deciso di migliorare il benessere dei polli allevati nelle sue aziende, …

Un commento

  1. Avatar

    Amo moltissimo i miei 4 zampe. Li considero membri della mia famiglia. Verso di loro sono rivolti i miei pensieri, il cibo migliore, il mio tempo libero.. . Molto spesso dormo tranquillamente abbracciata ai miei felini.. Piace molto a loro e piace tanto a me. Dicono che i gatti siano indipendenti ed egoisti, ma queste affermazioni sono false … Loro consegnano e riservano il rispetto e il loro amore solo e unicamente verso chi li merita.. Quando si sentono realmente amati e protetti infatti , desiderano stare sempre e solo con i loro proprietari diventando una cosa sola.. Devo tanto a loro..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *